Riscossione Sicilia, parla Musumeci: "Non ho ricevuto nessun favoritismo" :ilSicilia.it

Nell'inchiesta ci sono 9 indagati

“Mai ricevuto favoritismi”. Musumeci dopo il caos Riscossione, rilancia: “sono un obbiettivo del cerchio magico di Crocetta” [Video]

di
3 Marzo 2017

“Per gli appartenenti al cerchio magico di Crocetta sono un obbiettivo da abbattere”. Va dritto al punto il leader della destra siciliana, Nello Musumeci, accusato di essere uno dei tre deputati all’Ars ad aver giovato dei favori di nove dipendenti di Riscossione Sicilia. “La verità è che Riscossione Sicilia è solo uno strumento per arrivare a me, ma non ci riusciranno. Ho capito da molti mesi di essere stato messo nel mirino e di essere un obiettivo da abbattere per quanti appartengono al cerchio magico di Crocetta, quel blocco di potere che vuole sopravvivere anche dopo le elezioni di ottobre”, ha aggiunto Musumeci durante una conferenza stampa, sottolineando di avere “chiesto al presidente Ardizzone di consentirmi un intervento alla prima seduta d’aula. Sarà quella la sede in cui esprimerò le mie valutazioni, davanti a tutti i gruppi parlamentari”.

 

 

L’inchiesta condotta dalla Procura di Catania, è coordinata dal Procuratore capo Carmelo Zuccaro e dal sostituto Fabio Regolo e riguarda il reato di abuso d’ufficio in concorso e continuato, ipotizzando un danno erariale di quasi di 390 mila euro. L’indagine è partita da esposti presentati dall’attuale amministratore unico di Riscossione Sicilia, l’avvocato Antonio Fiumefreddo, che più volte ha denunciato, anche pubblicamente, presunte “agevolazioni illegittime” da parte di personale della società nei confronti di politici debitori col Fisco. Oltre a Musumeci anche i deputati D’Asero e Nicotra avrebbero ottenuto dei vantaggi dagli indagati.

 

“Sono contribuente di Riscossione Sicilia dal 2009, da quando ho chiesto, da contribuente come tutti gli altri, tre rateizzazioni finora accolte; due sono state interamente pagate, con oneri di mora, agio e interessi. Si tratta in larghissima parte di manifesti elettorali e altre spese, e continuo a pagare senza alcun favoritismo. Ecco perché questa vicenda mi lascia tanta amarezza, ma anche la voglia di dire a tutti che Nello Musumeci è un cittadino come tutti gli altri e nessuno mi ha mai cancellato un solo euro di tasse”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin