Riscossione Sicilia, 'risoluzione' tra Regione e Governo: "Si faccia chiarezza" :ilSicilia.it

la commissione bilancio tenta di acellerare la liquidazione

Riscossione Sicilia, ‘risoluzione’ tra Regione e Governo: “Si faccia chiarezza”

di
26 Giugno 2019

La commissione bilancio dell’Ars, qualche giorno fa ha approvato la risoluzione in merito a Riscossione Sicilia tra il governo dell’Isola e quello nazionale. La commissione cerca così di pressare il Governo Regionale per risolvere velocemente le incombenze che attanagliano l’ente che si occupa di riscossione dei tributi.

L’articolo 28 della legge regionale del 11 agosto 2017 autorizza il Governo della Regione ad avviare le procedure di liquidazione di Riscossione Sicilia S.p.a previa stipula entro il 31 dicembre 2019 di apposita convenzione con il Ministero dell’economia e affidare la gestione ad Adr (Agenzia delle entrate Riscossione, ex Equitalia ndr). O in alternativa, ad avviare le procedure per la costituzione di un nuovo soggetto giuridico strategico.

E’ oramai noto a tutti che l’agenzia siciliana naviga in cattive acque da alcuni anni.

Stando al documento della commissione, la situazione debitoria della società “nei confronti dello Stato, della Regione e dell’Istituto bancario Monte Paschi di Siena, è per un ammontare complessivo di circa 400 milioni di euro”.

La risoluzione arriva a seguito delle recenti interlocuzioni che non hanno, a quanto pare, al momento, prodotto alcun risultato. Si legge nel documento: “la commissione al bilancio, impegna il governo della Regione a definire in via d’urgenza una proposta da presentare al Governo nazionale in ordine al futuro del servizio di riscossione nel territorio regionale…a porre in essere ogni conseguente utile iniziativa presso il Governo e le Camere del Parlemento nazionale”.

La parola ai protagonisti

“La risoluzione approvata qualche giorno fa dalla Commissione Finanze dell’Ars va nella direzione auspicata da sindacato e lavoratori di Riscossione Sicilia, spingendo il Governo regionale a dichiarare le sue intenzioni, che non possono essere difformi da quanto previsto dalla Legge regionale 16/2017”.

Dice al ilSicilia.it, il sindacalista della Fisac Cgil, Massimo Cafari. “La lettera del Ministero dell’economia del 6 giugno scorso, dimostra la mancanza di chiarezza con cui il Governo regionale ha affrontato una delle questioni più delicate nel panorama regionale: è necessario che il Governo regionale applichi con trasparenza la Legge regionale 17 del 2017, rendendo noti i termini con cui si sta dipanando il dialogo con lo Stato. Lavoratrici e lavoratori di Riscossione Sicilia sono certi che non esista alternativa più economica ed efficace per la Sicilia, se non quella di trovare rapidamente un accordo con il Governo nazionale. Il servizio di riscossione deve essere omogeneo in tutto il territorio nazionale, ed i cittadini siciliani hanno il diritto di fruire degli stessi servizi offerti al resto dei cittadini italiani. E non possono esistere lavoratori di serie A e lavoratori di serie B : al personale di Riscossione Sicilia vanno garantiti gli stessi diritti dei lavoratori del settore riscossione”.

Le parole del componente della commissione della commissione al bilancio, Vincenzo Figuccia, sono in linea con il sindacalista.

“La Risoluzione entra perfettamente nel cuore del problema. Auspico fortemente così come è richiesto dai dipendenti e dalle organizzazioni sindacali tutti, che si proceda prioritariamente all’affidamento ad Adr della riscossione dei tributi in Sicilia”. Afferma al IlSicilia.it il deputato regionale dell’Udc.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.