22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.53

Nei giorni scorsi l'annuncio di Musumeci

Risorge l’ufficio stampa della Regione: ecco la delibera | Il documento

18 Dicembre 2018

Così come era stato annunciato dal Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci durante la conferenza stampa di di illustrazione di quanto fatto durante il primo anno di attività dell’esecutivo, la Giunta regionale ha approvato la delibera con cui si dà il via alle operazioni per la (ri)costituzione dell’ufficio stampa di Palazzo d’Orleans. La struttura era stata smantellata nel 2012 da Rosario Crocetta e prevedeva 24 giornalisti (21 quelli effettivamente assunti con contratti di caporedattore).

Musumeci aveva annunciato, durante la trasmissione Casa Minutella, che la delibera sarebbe stata pubblicata in questi giorni. Il governatore aveva anche svelato qualche dettaglio: il fabbisogno dovrebbe essere di venti giornalisti, ma per il momento le casse della Regione consentono di averne dieci. Si effettuerà una ricognizione all’interno della pianta organica della Regione stessa. Cinque posti saranno  riservati a chi ha già lavorato con la Regione. La commissione valutatrice, infine, sarà formata anche da giornalisti.

Ecco la delibera sulla costituzione dellufficio stampa della Regione.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.