Rissa a Mondello, scarcerato uno degli indagati. A scagionarlo i tabulati telefonici :ilSicilia.it
Palermo

Due testimoni lo avevano riconosciuto

Rissa a Mondello, scarcerato uno degli indagati. A scagionarlo i tabulati telefonici

di
23 Luglio 2020

Sono stati revocati dallo stesso gip Simone Alecci i domiciliari per il giovane Matteo Ameduri, uno dei quattro giovani arrestati dalla polizia venerdì scorso per i due accoltellamenti del 6 giugno nella borgata marinara di Mondello a Palermo.

Il giovane aveva ribadito di trovarsi a Castelvetrano la sera della maxi rissa. Una circostanza ricostruita dall’avvocato Roberto Mangano attraverso una serie di indagini difensive. Al giudice durante l’interrogatorio il ragazzo ha ribadito piu’ volte la sua totale estraneita’ ai fatti.

Contro di lui c’erano i riconoscimento di due testimoni che erano certi di averlo visto durante le fasi concitate della rissa. Solo che grazie all’analisi dei tabulati telefonici e’ emerso che il giovane era a Castelvetrano. Circostanza verificata anche dagli agenti di polizia che hanno condotto le indagini.

Insieme ad Ameduri, adesso libero, sono stati arrestati Ivan Viola, assistito da Maurilio Panci, Gabriele Filippone, difeso dall’avvocato Stefano Santoro. Anche loro si sono detti estranei ai fatti. Il quarto ragazzo, il minorenne protagonista secondo gli inquirenti della rissa che ha portato al ferimento di due ragazzi di 17 anni, è stato interrogato dal gip del tribunale dei minori.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin