23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33
Caltanissetta

E' accaduto alla scuola elementare Albani Roccella di Gela

Rissa alla recita di Natale in una scuola nel Nisseno, mamme si prendono a cazzotti | Video

17 Dicembre 2018

Botte tra mamme alla recita di Natale. E’ accaduto alla scuola elementare Albani Roccella di Gela. Motivo del contendere, che ha portato due mamme a darsele di santa ragione, l’utilizzo di una sedia con la “conquista” della migliore posizione in prima fila necessaria a riprendere al meglio la recita con il telefonino.

Le donne prima si sono insultate e poi sono passate alle maniere forti (Guarda QUI il video). Il litigio, degenerato in una vera e propria scazzottata, ha provocato il fuggi fuggi delle altre mamme che hanno cercato di mettere al sicuro i bambini.

La palestra della scuola, non appena la zuffa è stata sedata, più che all’improvvisato proscenio di un teatro è apparsa un campo di battaglia con sedie distrutte e banchi rovesciati.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.