Risse e assembramenti con ragazzini: alle Eolie scattano le proteste dei commercianti :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Risse e assembramenti con ragazzini: alle Eolie scattano le proteste dei commercianti

di
7 Agosto 2021

Alle Eolie si registrano risse e assembramenti con ragazzini scatenati che insultano anche le forze dell’ordine.

A Panarea c’è un’ invasione di turisti-ragazzini, con risse notturne per futili motivi. Anche con l’uso di spranghe. L’alcol dilaga e le conseguenze sono che i locali sono costretti a chiudere a mezzanotte-l’una perché si rischia l’incolumità pubblica. I pochi carabinieri presenti sull’isola per il periodo estivo, sono intervenuti e da quel che è trapelato vi sarebbero due fermi.

Gli isolani ma anche i villeggianti sono preoccupati. Dice Alessio Ferrara, la cui famiglia al porto gestisce un bar: “Non avevo mai visto Panarea così. Piena di ragazzini irrispettosi e aggressivi. Tutte le sere risse, problemi con i carabinieri che fanno il possibile per garantire un minimo di decoro. Hanno bisogno di aiuto, sono in pochi. Non avevo mai visto a Panarea dei ragazzini aggredire le forze dell’ordine, circondare gli uomini in divisa, insultarli e lanciargli per fino delle bottiglie di vetro. Mi hanno distrutto tavoli, sedie e la motoape che utilizzo per lavorare. Come dobbiamo andare avanti!? Dopo le due di notte, Panarea diventa un inferno”.

“Qui nessuno parla di covid – si domanda – nessuno parla di flusso di persone incontrollabili, tutte senza mascherina? Fatevi un esame di coscienza. Sono vicino alle forze dell’ordine che con tanto impegno fanno il possibile per garantire un po’ di ordine ma sono in pochi e fanno dei turni massacranti. Hanno bisogno di aiuto. Noi commercianti abbiamo bisogno di aiuto”.

L’allarme riguarda anche Lipari. Lo segnala Luca Chiofalo, ex presidente dei commercianti: “È un altro agosto da pazzi – dice – il solito trionfo di schiamazzi, caos, cafonaggine e “ammucchiamenti” scomposti (nonostante il covid e le regole per contenerlo, il cui rispetto da noi è optional). Ricordo con nostalgia gli anni delle belle e davvero ricche estati Eoliane. Quelle di un turismo composto e raffinato, estati in cui nei locali del centro si cantava a voce e non si urlava in un microfono disturbando chiunque nel raggio di 100 metri, in cui i ragazzetti e gli adulti mancati non erano, con la loro “caciara”, protagonisti e tutti si viveva e lavorava con più serenità. Le Eolie erano diverse ed i loro abitanti e ospiti sapevano godere e rispettare l’armonia rilassante e romantica di queste isole capolavoro“.

“Oggi – conclude – è tutto una follia, dagli ingorghi stradali agli sbarchi selvaggi, dai disservizi cronici alle notti molestate da una “movida” cafona e inutile (non per tutti…). Sorbiamoci quest’altra estate delirante, ma dall’anno prossimo, sarebbe bene pensare ad un diverso modo di gestire e presentare il territorio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.