Ristoratori in piazza a manifestare a Palermo: "Ripartiamo insieme. Rivedete i provvedimenti" :ilSicilia.it
Palermo

Le associazioni hanno deciso di inviare una nota al Governo regionale

Ristoratori in piazza a manifestare a Palermo: “Ripartiamo insieme. Rivedete i provvedimenti”

di
5 Febbraio 2021

I manifestanti si sono dati appuntamento in via Emerico Amari, davanti alla sede di Confcommercio Palermo, nel rigoroso rispetto delle misure di contenimento del contagio e del distanziamento sociale, con  lo slogan “Ripartiamo insieme“.

Le associazioni hanno deciso di inviare una nota al Governo regionale per rappresentare “lo stato di difficoltà” e per suggerire “una rivisitazione dei provvedimenti restrittivi e una diversa modulazione degli orari di apertura, prevedendo fin da subito un graduale ritorno alla normalità che certamente contribuirebbe ad evitare incontrollabili assembramenti per strada“.

Non possiamo assistere inermi alla morte delle nostre aziende – spiega Antonio Cottone, presidente Fipe e coordinatore della manifestazione – anche perché persino l’Oms ha sostenuto che le nostre attività non possono essere ritenute luoghi primari del contagio. Con aperture a singhiozzo – e per alcuni settori neanche quelle – è impossibile programmare le nostre attività e reggere il peso delle scadenze contributive e fiscali, degli affitti, degli stipendi o delle utenze. Gli aiuti economici finora sono stati ampiamente insufficienti e c’è il rischio concreto che centinaia di imprese palermitane saranno costrette a chiudere per sempre“.

In particolare, le associazioni di categoria chiedono che vengano valutati in modo differente i diversi profili di rischio all’interno del settore della ristorazione, consentendo a chi ha a disposizione spazi e sedute per la consumazione di cibi e bevande di aprire fino alle 18 durante il periodo della zona “arancione” e fino alle 22 in caso di “zona gialla”, fermo restando la possibilità di asporto e delivery. Modifiche che, a livello nazionale, sono oggetto di una trattativa avviata tra Governo e associazioni di categoria con la condivisione degli esperti del Comitato tecnico scientifico ma che dovranno trovare concreta applicazione nel prossimo Dpcm.

Le associazioni chiedono anche un concreto sostegno, con adeguati rimborsi parametrati sulle reali perdite del fatturato, la detassazione per gli anni 2020 e 2021, l’accesso al credito bancario con la garanzia dello Stato e della Regione e tutele per le migliaia di dipendenti che rischiano il posto di lavoro.

Saremo noi stessi, nel nostro interesse, a garantire il rigoroso rispetto dei protocolli sanitari all’interno dei locali – precisa Antonio Cottone, presidente di Fipe Confcommercio Palermo – come peraltro abbiamo fatto nei mesi in cui abbiamo potuto riaprire“.

I costi fissi o gli affitti abbiamo dovuto pagarli regolarmenteaggiunge Maurizio Cosentino, presidente di Assocom – ma i fatturati sono crollati del 70% almeno. Insieme alla ripresa delle nostre attività non possiamo prescindere da adeguati ristori“.

È necessario ripartire – sottolinea Michela Cannatella, presidente di Awpp -, si devono trovare soluzioni in grado di contemperare le esigenze sanitarie con quelle del mondo imprenditoriale. Senza una chiara programmazione rischiamo lo stop anche per il 2021“.

Il nostro settore – dice Vincenzo Grasso, presidente del Silb Palermo – comprende con senso di responsabilità che ancora non e’ il momento della riapertura ma chiediamo un ‘salvagente’ per le nostre aziende che sono chiuse ormai da un anno, se si eccettua una brevissima parentesi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco