Ristorazione e pubblici esercizi, rinnovato il contratto nazionale di lavoro: era scaduto da 4 anni :ilSicilia.it

era scaduto da oltre 4 anni

Ristorazione e pubblici esercizi, rinnovato il contratto nazionale di lavoro

di
9 Febbraio 2018

Rinnovato, dopo più di 4 anni dalla sua scadenza, il Contratto Nazionale di lavoro che riguarda oltre un milione di lavoratori impiegati, su tutto il territorio nazionale, nelle aziende dei settori pubblici esercizi, ristorazione collettiva commerciale e turismo (Fipe, Angem, Lega Coop produzione e servizi, Federlavoro e servizi Confcooperative ed Agci).

Una lunga ed estenuante trattativa – dichiara Mimma Calabrò Segretario Generale Fisascat Cisl Sicilia – che ha visto in prima linea impegnata la Fisascat Cisl Nazionale promotrice, unitamente a Filcams Cgil e Uiltrasporti, anche di grandi iniziative di mobilitazione e protesta che hanno consentito la ripresa dei lavori fino al raggiungimento della firma del rinnovo del CCNL. Un risultato ancor più importante se lo si circoscrive al complicato contesto economico che non ha risparmiato neppure i settori interessati fortemente colpiti dalla crisi”.

A beneficiare del nuovo impianto contrattuale saranno i lavoratori, migliaia solo in Sicilia, dei pubblici esercizi, sale bingo, della ristorazione collettiva, commerciale e del turismo, dei bar, dei ristoranti e delle tavole calde, dei fast foods, delle pasticcerie, delle mense, degli spacci aziendali e delle aziende di fornitura di pasti preparati e mense. Oltre essere stato definito l’aumento economico  pari a 100€ a regime, calcolato al IV livello da riparametrare sugli altri, grande attenzione è stata rivolta all’assistenza sanitaria integrativa, alla possibilità di prevedere di istituire anche un premio di risultato a titolo di elemento economico di garanzia a favore di tutti quei lavoratori dipendenti di aziende che non hanno un proprio Contratto Integrativo aziendale o territoriale.

Innovativa – continua la Calabrò – la parte riguardante il protocollo sul sistema di appalti nel settore della ristorazione collettiva e delle mense, dove sono impiegati migliaia di lavoratori, con particolare riferimento alle tutele previste, nei cambi di appalto, a tutela e mantenimento dei livelli occupazionali, prevedendo la riassunzione del personale regolarmente iscritto a libro paga“.

Particolare attenzione è stata, inoltre, data al welfare, incrementando il contributo a favore dell’assistenza Sanitaria Integrativa a carico del datore di lavoro. “Un importante passo avanti è stato fatto a favore dei lavoratori – conclude la Calabrò – ora necessita attuare ogni possibile strategia che possa facilitare una seria ripresa del settore vittima in questi ultimi anni, sopratutto in Sicilia, di una crisi dalla quale ancora di stenta a uscire“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin