Ritardo in deposito delle sentenze: giudice condannato a pagare oltre 315 mila euro :ilSicilia.it
Palermo

Il nome del giudice condannato non viene indicato

Ritardo in deposito delle sentenze: giudice condannato a pagare oltre 315 mila euro

di
5 Marzo 2021

Il ritardo nel deposito delle sentenze procura un danno al ricorrente e produce un grave disservizio. E’ il principio fissato dalla sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Sicilia che ha condannato un consigliere del Consiglio di giustizia amministrativa, in Sicilia organo di appello del Tar. Il consigliere dovrà pagare 315.364 euro: il 70 per cento della retribuzione percepita nel periodo contestato.

Il caso viene segnalato nella relazione per l’apertura dell’anno giudiziario del procuratore regionale Gianluca Albo. Il nome del giudice condannato non viene indicato ma viene descritta la sua colpa: quella di un “pluriennale, grave e sistematico ritardo nel deposito delle sentenze”.

La decisione, osserva Albo, prende in considerazione la “ripercussione delle singole fasi processuali sulla qualità e sul peso del disservizio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin