Ritorna "Natale a Palermo”, la rassegna di concerti nelle chiese :ilSicilia.it
Palermo

dal 26 dicembre al 6 gennaio

Ritorna “Natale a Palermo”, la rassegna di concerti nelle chiese

di
20 Dicembre 2018

Ritorna puntuale come ogni anno, affettuosamente e profondamente legata alla città, ecco “Natale a Palermo” la rassegna di dieci concerti nelle chiese, organizzata dai club service. Un cartellone che quest’anno festeggia la decima edizione, propone appuntamenti in palazzi, chiese, oratori, pescati dall’immenso patrimonio palermitano; ed è stato inserito il Palermo Capitale Italiana della Cultura.

“Un’iniziativa nata dal desiderio e dalla volontà di promuovere l’orgoglio di appartenenza alla città – spiega l’ideatore Giacomo Fanale convinti come siamo che che la responsabilità è quella del fare, di pari passo con le iniziative promosse dalle istituzioni”. Ad essere promotore è come abitudine il Rotary Club Palermo Est, si uniscono Rotary, Lions, Inner Wheel, Soroptmist, e le associazioni Volo,  Zonta Palermo Triscele e I.D.E.A. hub, Ande, con il contributo della “Settimana delle Culture”, e il sostegno dell’Accademia Musicale Siciliana, e la direzione artistica di Gaetano Colajanni.

La decima edizione della rassegna “Natale a Palermo” è stata presentata oggi a Palazzo Branciforte, dai rappresentanti di Rotary, Lions, Inner Wheel, Soroptimist. Presente l’intero comitato organizzatore formato da Maria Di Francesco, Giacomo Fanale, Gaetano Colajanni, Roberto Tristano, Gabriella Maggio, Antonella Aiello, Rosellina Criscuoli, Giuseppe Dragotta, Nicola Macaione, Gianluca Pipitò,  Giacomo Badami.

Il cartellone andrà come sempre dal 26 dicembre al 6 gennaio; durante i dieci concerti tre giovani artiste, Olimpia Cavriani, Desideria Burgio e Flaminia Fanale, realizzeranno fotografie mirate che l’anno prossimo comporranno un progetto espositivo ed editoriale autonomo.

La rassegna si aprirà quindi a Santo Stefano, mercoledì (26 dicembre) alle 18,30 nella chiesa del Gesù di Casa Professa dove si esibirà la Symphonic Band diretta da Giacomo Candela, solista al piano Franco Foderà. Sarà un vero giro del mondo attraverso i brani dei diversi Paesi: una scorribanda nelle musiche di Gershwin, Schwarz, Wittrock, Konagaya, Cesarini, Smith, Sparke, Lecuona, Balmages, Iwai e Respighi.

Il giorno successivo (giovedì 27 dicembre) ci si sposta alle 19 nella bellissima chiesa della Pietà alla Kalsa per il ritorno di un ensemble habitué come il Coro Incontrovoce dell’Accademia Corale Henri Farge diretto da Fabio Faia; musiche del pianista Vito Mandina, Miskinis, Gjielo, Fauré, Bach, Whitacre e Saint Saëns; accompagnano dei testi recitati da Giuseppe Mongiovì.

Una fisarmonica da sola è bellissima, ma in quintetto è straordinaria: il 28 dicembre nella chiesa della Catena, l’ensemble Virtuose Flaire – formato dai fisarmonicisti Salvatore Vitale, Francesco Puglisi, Giuseppe Sirena, Giuseppe Mazzara, Alessio Di Dio – eseguirà musiche di Piazzolla, Mozart, Biscardi e Battiston. La rassegna migrerà sabato 29 dicembre nell’amatissima chiesa della Concezione al Capo dove troveremo il trio Giubila composto dal violista Salvatore Giuliano, da Giovanni La Mattina al clarinetto e dalla pianista Adriana Biondolillo. A ritmo di danza nelle musiche di Telemann, Nardini, Bloch, Bridge, Gillet, Shostakovich, Johow, Piazzolla, Galliano.

Domenica 30 dicembre si passa nell’antica chiesa di San Nicolò da Tolentino con l’orchestra di fiati “La Nuova Generazione” diretta da Giovanni natale a palermo La Mattina e nata all’interno del liceo musicale “Regina Margherita”. Per loro, un programma di musiche di Schubert, De Haan, Jager, Waighein, Bernstein e Ortolano. Stop per capodanno, la Basilica di San Francesco d’Assisi aprirà le sue porte per la ripresa della rassegna, il 2 gennaio: e accoglierà il coro “Sancte Joseph” diretto da Mauro Visconti, con Pietro Bagnasco solista all’organo. Musiche di Miserachs, Sgarlata, Mawby, Couperin, Saint-Saens e Gruber, Mauro Visconti, Norino Buogo e Berlin, per una vera e propria immersione nello spirito del Natale.

Giovedì 3 gennaio, a Santa Maria La Nova, si insinuerà il jazz del trombettista Giacomo Tantillo, pronto a proporre il suo concerto “Water Trumpet” accompagnato da Angelo Leonforte al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso e Paolo Vicari alla batteria.  Ultimi tre concerti: il 4 gennaio alla chiesa di Sant’Orsola, un particolarissimo appuntamento di musica rinascimentale e barocca, sia europea che giapponese, affidato al duo Wada-Tani, formato dalla flautista Chiemi Wada e da Lucia Tani alla spinetta. Sabato (5 gennaio) al Carmine Maggiore si esibirà il “Sicily Ensemble” (Giovanna Mirione al piano, Giuseppe Adamo alla chitarra, Ruth Gonzales alla viola, Antonella Scalia al violino,  Alberto Fiorentino al contrabbasso, Andrea Sortino al flauto, Daniele Collura alla fisarmonica, Francesca Fundarò al violoncello, e la cantante Nicoletta Bellotti) diretto da Franco Foderà. Si chiude nel giorno dell’Epifania con il grande concerto finale com’è tradizione, nella basilica di San Domenico: protagonista l’orchestra dell’Accademia Musicale Siciliana diretta dallo stesso Gaetano Colajanni. I cantanti Letizia Colajanni e Leonardo Alaimo proporranno arie liriche, melodie italiane e arie del repertorio classico napoletano. E una sorpresa tutta a stelle e strisce.

Tutti i concerti sono ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti. “Natale a Palermo” nasce dalla collaborazione tra l’Accademia Musicale  Siciliana, l’associazione I.D.E.A.hub, “Volo”, “Fanaleartearchitettura”, la Settimana delle Culture, le Confraternite, la Diocesi Palermitana, e gli sponsor coinvolti, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale che ha inserito la rassegna in Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.