Ritorna "Natale a Palermo”, la rassegna di concerti nelle chiese :ilSicilia.it
Palermo

dal 26 dicembre al 6 gennaio

Ritorna “Natale a Palermo”, la rassegna di concerti nelle chiese

di
20 Dicembre 2018

Ritorna puntuale come ogni anno, affettuosamente e profondamente legata alla città, ecco “Natale a Palermo” la rassegna di dieci concerti nelle chiese, organizzata dai club service. Un cartellone che quest’anno festeggia la decima edizione, propone appuntamenti in palazzi, chiese, oratori, pescati dall’immenso patrimonio palermitano; ed è stato inserito il Palermo Capitale Italiana della Cultura.

“Un’iniziativa nata dal desiderio e dalla volontà di promuovere l’orgoglio di appartenenza alla città – spiega l’ideatore Giacomo Fanale convinti come siamo che che la responsabilità è quella del fare, di pari passo con le iniziative promosse dalle istituzioni”. Ad essere promotore è come abitudine il Rotary Club Palermo Est, si uniscono Rotary, Lions, Inner Wheel, Soroptmist, e le associazioni Volo,  Zonta Palermo Triscele e I.D.E.A. hub, Ande, con il contributo della “Settimana delle Culture”, e il sostegno dell’Accademia Musicale Siciliana, e la direzione artistica di Gaetano Colajanni.

La decima edizione della rassegna “Natale a Palermo” è stata presentata oggi a Palazzo Branciforte, dai rappresentanti di Rotary, Lions, Inner Wheel, Soroptimist. Presente l’intero comitato organizzatore formato da Maria Di Francesco, Giacomo Fanale, Gaetano Colajanni, Roberto Tristano, Gabriella Maggio, Antonella Aiello, Rosellina Criscuoli, Giuseppe Dragotta, Nicola Macaione, Gianluca Pipitò,  Giacomo Badami.

Il cartellone andrà come sempre dal 26 dicembre al 6 gennaio; durante i dieci concerti tre giovani artiste, Olimpia Cavriani, Desideria Burgio e Flaminia Fanale, realizzeranno fotografie mirate che l’anno prossimo comporranno un progetto espositivo ed editoriale autonomo.

La rassegna si aprirà quindi a Santo Stefano, mercoledì (26 dicembre) alle 18,30 nella chiesa del Gesù di Casa Professa dove si esibirà la Symphonic Band diretta da Giacomo Candela, solista al piano Franco Foderà. Sarà un vero giro del mondo attraverso i brani dei diversi Paesi: una scorribanda nelle musiche di Gershwin, Schwarz, Wittrock, Konagaya, Cesarini, Smith, Sparke, Lecuona, Balmages, Iwai e Respighi.

Il giorno successivo (giovedì 27 dicembre) ci si sposta alle 19 nella bellissima chiesa della Pietà alla Kalsa per il ritorno di un ensemble habitué come il Coro Incontrovoce dell’Accademia Corale Henri Farge diretto da Fabio Faia; musiche del pianista Vito Mandina, Miskinis, Gjielo, Fauré, Bach, Whitacre e Saint Saëns; accompagnano dei testi recitati da Giuseppe Mongiovì.

Una fisarmonica da sola è bellissima, ma in quintetto è straordinaria: il 28 dicembre nella chiesa della Catena, l’ensemble Virtuose Flaire – formato dai fisarmonicisti Salvatore Vitale, Francesco Puglisi, Giuseppe Sirena, Giuseppe Mazzara, Alessio Di Dio – eseguirà musiche di Piazzolla, Mozart, Biscardi e Battiston. La rassegna migrerà sabato 29 dicembre nell’amatissima chiesa della Concezione al Capo dove troveremo il trio Giubila composto dal violista Salvatore Giuliano, da Giovanni La Mattina al clarinetto e dalla pianista Adriana Biondolillo. A ritmo di danza nelle musiche di Telemann, Nardini, Bloch, Bridge, Gillet, Shostakovich, Johow, Piazzolla, Galliano.

Domenica 30 dicembre si passa nell’antica chiesa di San Nicolò da Tolentino con l’orchestra di fiati “La Nuova Generazione” diretta da Giovanni natale a palermo La Mattina e nata all’interno del liceo musicale “Regina Margherita”. Per loro, un programma di musiche di Schubert, De Haan, Jager, Waighein, Bernstein e Ortolano. Stop per capodanno, la Basilica di San Francesco d’Assisi aprirà le sue porte per la ripresa della rassegna, il 2 gennaio: e accoglierà il coro “Sancte Joseph” diretto da Mauro Visconti, con Pietro Bagnasco solista all’organo. Musiche di Miserachs, Sgarlata, Mawby, Couperin, Saint-Saens e Gruber, Mauro Visconti, Norino Buogo e Berlin, per una vera e propria immersione nello spirito del Natale.

Giovedì 3 gennaio, a Santa Maria La Nova, si insinuerà il jazz del trombettista Giacomo Tantillo, pronto a proporre il suo concerto “Water Trumpet” accompagnato da Angelo Leonforte al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso e Paolo Vicari alla batteria.  Ultimi tre concerti: il 4 gennaio alla chiesa di Sant’Orsola, un particolarissimo appuntamento di musica rinascimentale e barocca, sia europea che giapponese, affidato al duo Wada-Tani, formato dalla flautista Chiemi Wada e da Lucia Tani alla spinetta. Sabato (5 gennaio) al Carmine Maggiore si esibirà il “Sicily Ensemble” (Giovanna Mirione al piano, Giuseppe Adamo alla chitarra, Ruth Gonzales alla viola, Antonella Scalia al violino,  Alberto Fiorentino al contrabbasso, Andrea Sortino al flauto, Daniele Collura alla fisarmonica, Francesca Fundarò al violoncello, e la cantante Nicoletta Bellotti) diretto da Franco Foderà. Si chiude nel giorno dell’Epifania con il grande concerto finale com’è tradizione, nella basilica di San Domenico: protagonista l’orchestra dell’Accademia Musicale Siciliana diretta dallo stesso Gaetano Colajanni. I cantanti Letizia Colajanni e Leonardo Alaimo proporranno arie liriche, melodie italiane e arie del repertorio classico napoletano. E una sorpresa tutta a stelle e strisce.

Tutti i concerti sono ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti. “Natale a Palermo” nasce dalla collaborazione tra l’Accademia Musicale  Siciliana, l’associazione I.D.E.A.hub, “Volo”, “Fanaleartearchitettura”, la Settimana delle Culture, le Confraternite, la Diocesi Palermitana, e gli sponsor coinvolti, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale che ha inserito la rassegna in Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.