16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Palermo

dal 26 dicembre al 6 gennaio

Ritorna “Natale a Palermo”, la rassegna di concerti nelle chiese

20 Dicembre 2018

Ritorna puntuale come ogni anno, affettuosamente e profondamente legata alla città, ecco “Natale a Palermo” la rassegna di dieci concerti nelle chiese, organizzata dai club service. Un cartellone che quest’anno festeggia la decima edizione, propone appuntamenti in palazzi, chiese, oratori, pescati dall’immenso patrimonio palermitano; ed è stato inserito il Palermo Capitale Italiana della Cultura.

“Un’iniziativa nata dal desiderio e dalla volontà di promuovere l’orgoglio di appartenenza alla città – spiega l’ideatore Giacomo Fanale convinti come siamo che che la responsabilità è quella del fare, di pari passo con le iniziative promosse dalle istituzioni”. Ad essere promotore è come abitudine il Rotary Club Palermo Est, si uniscono Rotary, Lions, Inner Wheel, Soroptmist, e le associazioni Volo,  Zonta Palermo Triscele e I.D.E.A. hub, Ande, con il contributo della “Settimana delle Culture”, e il sostegno dell’Accademia Musicale Siciliana, e la direzione artistica di Gaetano Colajanni.

La decima edizione della rassegna “Natale a Palermo” è stata presentata oggi a Palazzo Branciforte, dai rappresentanti di Rotary, Lions, Inner Wheel, Soroptimist. Presente l’intero comitato organizzatore formato da Maria Di Francesco, Giacomo Fanale, Gaetano Colajanni, Roberto Tristano, Gabriella Maggio, Antonella Aiello, Rosellina Criscuoli, Giuseppe Dragotta, Nicola Macaione, Gianluca Pipitò,  Giacomo Badami.

Il cartellone andrà come sempre dal 26 dicembre al 6 gennaio; durante i dieci concerti tre giovani artiste, Olimpia Cavriani, Desideria Burgio e Flaminia Fanale, realizzeranno fotografie mirate che l’anno prossimo comporranno un progetto espositivo ed editoriale autonomo.

La rassegna si aprirà quindi a Santo Stefano, mercoledì (26 dicembre) alle 18,30 nella chiesa del Gesù di Casa Professa dove si esibirà la Symphonic Band diretta da Giacomo Candela, solista al piano Franco Foderà. Sarà un vero giro del mondo attraverso i brani dei diversi Paesi: una scorribanda nelle musiche di Gershwin, Schwarz, Wittrock, Konagaya, Cesarini, Smith, Sparke, Lecuona, Balmages, Iwai e Respighi.

Il giorno successivo (giovedì 27 dicembre) ci si sposta alle 19 nella bellissima chiesa della Pietà alla Kalsa per il ritorno di un ensemble habitué come il Coro Incontrovoce dell’Accademia Corale Henri Farge diretto da Fabio Faia; musiche del pianista Vito Mandina, Miskinis, Gjielo, Fauré, Bach, Whitacre e Saint Saëns; accompagnano dei testi recitati da Giuseppe Mongiovì.

Una fisarmonica da sola è bellissima, ma in quintetto è straordinaria: il 28 dicembre nella chiesa della Catena, l’ensemble Virtuose Flaire – formato dai fisarmonicisti Salvatore Vitale, Francesco Puglisi, Giuseppe Sirena, Giuseppe Mazzara, Alessio Di Dio – eseguirà musiche di Piazzolla, Mozart, Biscardi e Battiston. La rassegna migrerà sabato 29 dicembre nell’amatissima chiesa della Concezione al Capo dove troveremo il trio Giubila composto dal violista Salvatore Giuliano, da Giovanni La Mattina al clarinetto e dalla pianista Adriana Biondolillo. A ritmo di danza nelle musiche di Telemann, Nardini, Bloch, Bridge, Gillet, Shostakovich, Johow, Piazzolla, Galliano.

Domenica 30 dicembre si passa nell’antica chiesa di San Nicolò da Tolentino con l’orchestra di fiati “La Nuova Generazione” diretta da Giovanni natale a palermo La Mattina e nata all’interno del liceo musicale “Regina Margherita”. Per loro, un programma di musiche di Schubert, De Haan, Jager, Waighein, Bernstein e Ortolano. Stop per capodanno, la Basilica di San Francesco d’Assisi aprirà le sue porte per la ripresa della rassegna, il 2 gennaio: e accoglierà il coro “Sancte Joseph” diretto da Mauro Visconti, con Pietro Bagnasco solista all’organo. Musiche di Miserachs, Sgarlata, Mawby, Couperin, Saint-Saens e Gruber, Mauro Visconti, Norino Buogo e Berlin, per una vera e propria immersione nello spirito del Natale.

Giovedì 3 gennaio, a Santa Maria La Nova, si insinuerà il jazz del trombettista Giacomo Tantillo, pronto a proporre il suo concerto “Water Trumpet” accompagnato da Angelo Leonforte al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso e Paolo Vicari alla batteria.  Ultimi tre concerti: il 4 gennaio alla chiesa di Sant’Orsola, un particolarissimo appuntamento di musica rinascimentale e barocca, sia europea che giapponese, affidato al duo Wada-Tani, formato dalla flautista Chiemi Wada e da Lucia Tani alla spinetta. Sabato (5 gennaio) al Carmine Maggiore si esibirà il “Sicily Ensemble” (Giovanna Mirione al piano, Giuseppe Adamo alla chitarra, Ruth Gonzales alla viola, Antonella Scalia al violino,  Alberto Fiorentino al contrabbasso, Andrea Sortino al flauto, Daniele Collura alla fisarmonica, Francesca Fundarò al violoncello, e la cantante Nicoletta Bellotti) diretto da Franco Foderà. Si chiude nel giorno dell’Epifania con il grande concerto finale com’è tradizione, nella basilica di San Domenico: protagonista l’orchestra dell’Accademia Musicale Siciliana diretta dallo stesso Gaetano Colajanni. I cantanti Letizia Colajanni e Leonardo Alaimo proporranno arie liriche, melodie italiane e arie del repertorio classico napoletano. E una sorpresa tutta a stelle e strisce.

Tutti i concerti sono ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti. “Natale a Palermo” nasce dalla collaborazione tra l’Accademia Musicale  Siciliana, l’associazione I.D.E.A.hub, “Volo”, “Fanaleartearchitettura”, la Settimana delle Culture, le Confraternite, la Diocesi Palermitana, e gli sponsor coinvolti, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale che ha inserito la rassegna in Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.