Riunioni inusuali al Comune di Palermo, l'ex assessore al Bilancio incontra i revisori dei Conti. Ferrandelli: "Situazione irrituale" :ilSicilia.it
Palermo

In modo particolare si fa riferimento alla convocazione del 31 gennaio scorso

Riunioni inusuali al Comune di Palermo, l’ex assessore al Bilancio incontra i revisori dei Conti. Ferrandelli: “Situazione irrituale”

di
15 Ottobre 2018

Inusuali incontri al Comune di Palermo, a sollevare la questione è Fabrizio Ferrandelli riferendosi a una riunione avvenuta tra i revisori dei conti e Luciano Abbonato, ex assessore al Bilancio del Comune di Palermo e oggi consigliere della Corte dei conti “Leggendo il verbale di quella seduta – dice il leader de I Coraggiosi  –  mi è venuto il dubbio sull’opportunità, quantomeno politica, della visita di un magistrato contabile a un organismo indipendente come il collegio dei revisori dei conti, soprattutto se l’oggetto della discussione era un periodo di rendicontazioni contabili per il quale la magistratura contabile aveva già aperto un fascicolo su cui si sarebbe espressa poco dopo”.

In modo particolare si fa riferimento alla convocazione del 31 gennaio scorso Una visita che ha generato le mie perplessità e che, quando l’ho raccontato in Aula a porte chiuse ha gelato anche il resto del Consiglio comunale”, aggiunge il consigliere comunale Ferrandelli.

Di fatto Leoluca Orlando si era detto nei giorni scorsi pronto a denunciare il collegio dei revisori se non avessero cambiato il loro parere sul rendiconto 2017, ma il Sindaco con l’intervento del presidente dell’ordine dei commercialisti di Palermo, Fabrizio Escheri, ha incontrato i revisori. Da questo incontro non è trapelata alcuna notizia, ma secondo alcune voci di corridoio l’incontro sarebbe stato utile solo per rimodulare il dialogo tra sindaco e revisori.

fabrizio-ferrandelliTrovo irrituale – dice Fabrizio Ferrandelli – che l’ex assessore abbia incontrato i revisori, che invece avrebbero dovuto dialogare col sindaco o con gli uffici. Questo fa il paio con l’atteggiamento del sindaco che minaccia di denunciare i revisori solo perché non gli piace un parere”.

“Mi riservo di approfondire la vicenda, con gli altri capigruppo abbiamo inviato copia del verbale alla sezione controllo della corte dei conti perché turbati dalla notizia e per comprendere se oltre l’opportunità ci siano profili di incompatibilità“.

A questo incontro a cui avrebbe preso parte Abbonato, secondo quanto riportato nel verbale, hanno preso parte tutti e tre i componenti del Collegio: Marcello Barbaro, il presidente, Sebastiano Orlando e Calcedonio Li Pomi, quest’ultimo poi sostituito da Marco Mazzurco in seguito a dimissioni volontarie. Sempre dal verbale è emerso che Abbonato durante la seduta avrebbe rappresentato “Alcune tematiche che hanno interessato il periodo del proprio mandato”,formulando – al termine – al Collegio gli auguri di buon lavoro“.

Ferrandelli evidenzia dunque che il presidente del collegio, Barbaro, non avrebbe dovuto consentire la partecipazione di Abbonato, ma semplicemente “Limitarsi a confrontarsi con l’attuale assessore, che agisce in continuità istituzionale con il predecessore”.

Inoltre, sottolinea il consigliere comunale “il regolamento comunale prevede che alle sedute del collegio dei revisori non possono partecipare membri esterni, ma solo il segretario generale, il ragioniere generale, altri amministratori e dipendenti comunali“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin