Rivolta nel carcere "Bicocca" di Catania, Algozzino (Uilpa): "Rimuovere il dirigente" :ilSicilia.it
Catania

ieri dopo le 19

Rivolta nel carcere “Bicocca” di Catania, Algozzino (Uilpa): “Rimuovere il dirigente”

di
6 Settembre 2018

Drammatica rivolta dei detenuti presso l’Istituto Penale per i Minorenni “Bicocca”, a Catania. Ieri sera, dopo le 19, una decina di detenuti hanno aggredito i poliziotti penitenziari in servizio, provocando il ferimento di cinque unità.

A darne notizia è Armando Algozzino, segretario nazionale della Uilpa Polizia Penitenziaria secondo il quale “La tragedia è stata, come sempre, evitata dall’elevatissima professionalità e dalla tempestività del personale”.

Secondo le ricostruzioni fornite dagli stessi agenti, all’origine della reazione rabbiosa ci sarebbe stata la traduzione di un recluso, considerato un “leader” dagli altri carcerati, per motivazioni legate all’ordine e alla sicurezza.

A mettere in atto il piano di rivolta, circa un’ora dopo il trasferimento del detenuto, la cui “leadership”, come spiegano gli agenti, rischiava di compromettere tutte le sezioni detentive, sono stati i detenuti del primo piano che, dopo avere sferrato un pugno a un poliziotto penitenziario, gli hanno tolto le chiavi e sono usciti: l’episodio è avvenuto tra la socialità e il corridoio della sezione.

carcereÈ nata una colluttazione sedata grazie al rapido intervento di varie unità provenienti dal piano terra e dagli altri posti di servizio; cinque di esse sono state condotte in ospedale. In particolare, un agente è stato colpito brutalmente alla testa e ha riportato la frattura di un dito della mano.

L’episodio è stato caratterizzato dal coinvolgimento di tutti i detenuti del piano, al netto di uno di loro che, sempre secondo la ricostruzione fornita, avrebbe invece tentato di sedare la rivolta e di riportare la calma. Quando l’aggressione si è verificata, il lato sinistro era chiuso.

Per Armando Algozzino, che ha sovente acceso i riflettori sulle criticità degli istituti minorili chiedendo interventi urgenti, esistono precise responsabilità in merito all’accaduto, imputabili alla dirigente Silvia Mei del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità.

Malgrado le reiterate note della Uilpa Polizia Penitenziaria nelle quali si sottolineava come l’Istituto fosse ormai una polveriera – aggiunge Algozzinola dirigente, responsabile della movimentazione dei detenuti, non ha mai ritenuto opportuno ascoltare le nostre segnalazioni: eppure, è stato denunciato con chiarezza che Bicocca ormai ospitava un numero elevatissimo di detenuti, alcuni molto problematici, provenienti da tutti gli IPM d’Italia, ed è certo che se un’organizzazione sindacale lancia un allarme, lo fa perché avverte la potenziale pericolosità di talune situazioni”.

Secondo il sindacato, negli ultimi mesi il clima detentivo era tale da lasciare presagire una simile rivolta, anche a causa della riduzione di punizioni e isolamenti. “La dottoressa Mei – conclude  – deve essere rimossa immediatamente perché ha manifestato indifferenza e palese inadeguatezza: l’auspicio è che il ministro al ramo prenda provvedimenti in tal senso poiché è fin troppo facile interpretare il ruolo di dirigente soltanto quando si è al comando e si impartiscono disposizioni, tralasciando le responsabilità che esso comporta ”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.