Rivolta nel carcere "Bicocca" di Catania, Algozzino (Uilpa): "Rimuovere il dirigente" :ilSicilia.it
Catania

ieri dopo le 19

Rivolta nel carcere “Bicocca” di Catania, Algozzino (Uilpa): “Rimuovere il dirigente”

di
6 Settembre 2018

Drammatica rivolta dei detenuti presso l’Istituto Penale per i Minorenni “Bicocca”, a Catania. Ieri sera, dopo le 19, una decina di detenuti hanno aggredito i poliziotti penitenziari in servizio, provocando il ferimento di cinque unità.

A darne notizia è Armando Algozzino, segretario nazionale della Uilpa Polizia Penitenziaria secondo il quale “La tragedia è stata, come sempre, evitata dall’elevatissima professionalità e dalla tempestività del personale”.

Secondo le ricostruzioni fornite dagli stessi agenti, all’origine della reazione rabbiosa ci sarebbe stata la traduzione di un recluso, considerato un “leader” dagli altri carcerati, per motivazioni legate all’ordine e alla sicurezza.

A mettere in atto il piano di rivolta, circa un’ora dopo il trasferimento del detenuto, la cui “leadership”, come spiegano gli agenti, rischiava di compromettere tutte le sezioni detentive, sono stati i detenuti del primo piano che, dopo avere sferrato un pugno a un poliziotto penitenziario, gli hanno tolto le chiavi e sono usciti: l’episodio è avvenuto tra la socialità e il corridoio della sezione.

carcereÈ nata una colluttazione sedata grazie al rapido intervento di varie unità provenienti dal piano terra e dagli altri posti di servizio; cinque di esse sono state condotte in ospedale. In particolare, un agente è stato colpito brutalmente alla testa e ha riportato la frattura di un dito della mano.

L’episodio è stato caratterizzato dal coinvolgimento di tutti i detenuti del piano, al netto di uno di loro che, sempre secondo la ricostruzione fornita, avrebbe invece tentato di sedare la rivolta e di riportare la calma. Quando l’aggressione si è verificata, il lato sinistro era chiuso.

Per Armando Algozzino, che ha sovente acceso i riflettori sulle criticità degli istituti minorili chiedendo interventi urgenti, esistono precise responsabilità in merito all’accaduto, imputabili alla dirigente Silvia Mei del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità.

Malgrado le reiterate note della Uilpa Polizia Penitenziaria nelle quali si sottolineava come l’Istituto fosse ormai una polveriera – aggiunge Algozzinola dirigente, responsabile della movimentazione dei detenuti, non ha mai ritenuto opportuno ascoltare le nostre segnalazioni: eppure, è stato denunciato con chiarezza che Bicocca ormai ospitava un numero elevatissimo di detenuti, alcuni molto problematici, provenienti da tutti gli IPM d’Italia, ed è certo che se un’organizzazione sindacale lancia un allarme, lo fa perché avverte la potenziale pericolosità di talune situazioni”.

Secondo il sindacato, negli ultimi mesi il clima detentivo era tale da lasciare presagire una simile rivolta, anche a causa della riduzione di punizioni e isolamenti. “La dottoressa Mei – conclude  – deve essere rimossa immediatamente perché ha manifestato indifferenza e palese inadeguatezza: l’auspicio è che il ministro al ramo prenda provvedimenti in tal senso poiché è fin troppo facile interpretare il ruolo di dirigente soltanto quando si è al comando e si impartiscono disposizioni, tralasciando le responsabilità che esso comporta ”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin