20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57
Palermo

Fino al 9 settembre

“Robert Capa Retrospective”, l’omaggio all’uomo simbolo del fotogiornalismo | VIDEO SERVIZIO

24 Aprile 2018

Occhi svegli e da sornione quelli di Endre Friedman, vero nome di Robert Capa, fotografo simbolo del fotogiornalismo del XX secolo, che si possono ammirare in uno degli scatti presenti nella mostra a lui dedicata e ospitata fino al 9 settembre al Real Albergo dei Poveri.

Robert Capa Retrospective

Robert Capa Retropsective” consta di più di un centinaio di scatti in bianco e nero, divisi per sezioni (12) che segnano luoghi e anni di lavoro: Israele (1948-50), Indocina (1954), Copenaghen (1932), e ancora Francia (1936-39), Spagna (1936-39), Unione Sovietica, Germania (1945), Gran Bretagna e Nord Africa (1941-43), Cina (1938) e non ultima Italia, dove trovano spazio, per l’esposizione a Palermo, una serie di scatti realizzati in Sicilia.

Se Cartier-Bresson, con cui, tra gli altri, fondò la nel 1947 la celeberrima agenzia Magnum Photos, fu il fotografo dell’occhio paziente di certo Capa è emblema del coraggio e della necessità di avvicinarsi il più possibile al soggetto da fotografare.

ROBERT CAPA RETROSPECTIVE

Il senso del suo lavoro si è sempre fondato sulla ricerca di immagini che potessero denunciare gli orrori della guerra, sottolineando come la fotografia sia uno strumento per raccontare la “verità di chi guarda“.

Eliminando le barriere tra fotografo e soggetto, gli scatti di Capa raccontano la sofferenza, la miseria, il caos e la crudeltà dei cinque grandi conflitti mondiali del XX secolo, tristemente contemporanei alla storia di oggi.

Come scrisse il suo amico John Steinbeck Capa “sapeva di non poter fotografare la guerra, perché è soprattutto un’emozione. Ma è riuscito a fotografare quell’emozione conoscendola da vicino“.

ROBERT CAPA RETROSPECTIVE

La mostra, curata da Denis Curti,  si conclude con la sezione “Ritratti” che ospita, oltre a quello del fotografo realizzato da Ruth Orkin nel 1951, scatti di Gary Cooper, Ernest Hemingway, Ingrid Bergman, Pablo Picasso, Henri Matisse, Truman Capote, John Huston, Willian Faulkner e lo stesso Steinbeck.

L’esposizione fa parte del cartellone ufficiale di Palermo capitale Italiana della Cultura 2018, promossa dall’Assessorato Regionale ai beni culturali, organizzata dal Civita in collaborazione con Magnum Photos e la Casa dei Tre Oci.

GUARDA IL VIDEO SERVIZIO IN ALTO
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.