Roccafiorita si prepara alla sua "Sagra d'Autunno" | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Messina

Il 24 e il 25 novembre

Roccafiorita si prepara alla sua “Sagra d’Autunno” | IL PROGRAMMA

20 Novembre 2018

La vostra Patti Holmes vuole fare un salto a Roccafiorita (ME), il più piccolo comune del mezzogiorno d’Italia, in cui, il 24 e il 25 novembre, si svolge la “Sagra d’Autunno“, un percorso esperenziale tra profumi e sapori alle falde di Monte Kalfa. E siccome piatto ricco mi ci ficco, pronta con la valigia, ne vado alla scoperta.

1. La sua storia, secondo alcuni studiosi, è legata ai Tauromeneti, gli abitanti di Taormina. Nel 36 a. C, nel corso della guerra fra Sesto Pompeo e Ottaviano, le truppe di quest’ultimo sbarcarono a Naxos per riprendere la città a Sesto Pompeo, che l’aveva in precedenza occupata. Per ripopolare Tauromenium, dopo i danni della guerra subita, ma anche per presidiarla, Ottaviano, divenuto Augusto, nel 21 a.C.vi inviò una colonia di Romani, a lui fedeli, e nel contempo espulse gli abitanti a lui contrari. Un gruppo molto corposo di Tauromeneti, dispersi, si stanziarono, così, alle pendici del monte Kalfa, proprio dove oggi sorgono i paesini di Limina e Roccafiorita.

2. Secondo altri, invece, il primo nucleo di Roccafiorita sarebbe stato fondato da abitanti della più vicina Phoinix che, proprio nel 36 a.C. , aveva dato ospitalità per una notte all’esercito di Sesto Pompeo prima della battaglia contro Ottaviano.

3. Nel corso degli anni, sono state rinvenute, nel territorio di Roccafiorita, numerose tracce di urbanizzazione risalenti all’epoca romana.

4. Durante il Medioevo il territorio di Roccafiorita fu inglobato nel Marchesato di Limina per quanto riguarda gli affari civili e amministrativi; dipendeva da Savoca, invece, per ciò che concerne l’aspetto ecclesiastico.

5. Nel 1610 il Marchese di Limina, Pietro Balsamo, decise di fondare una cittadina nel feudo di cui era proprietario. Nacque così Acqua Grutta, dal nome del feudo. Successivamente il paese cambiò il nome in Rocca Kalfa e, infine, in Roccafiorita, che deriva dal latino medievale Rocca Florida.

6. Nel 1817 con l’abolizione del feudalesimo in Sicilia, Roccafiorita fu eretto a comune autonomo e venne inserito nel Circondario di Savoca.

7. Il comune venne soppresso ad opera del Regime fascista e aggregato al vicino comune di Mongiuffi Melia; riacquistò la sua autonomia comunale nel 1947.

8. Il suo stemma è così descritto dallo statuto comunale: «D’argento, al leone di rosso coronato d’oro. Ornamenti esteriori del Comune

Roccafiorita

Adesso è arrivata l’ora di tuffarci tra i sapori della Sagra d’Autunno, ricordando che questo delizioso borgo ha una grande tradizione gastronomica che si basa sui prodotti offerti dal territorio: il vino, lavorato con metodi tradizionali e stagionato in botti di rovere, l’olio extravergine d’oliva, i carciofini, il finocchietto, l’origano, il miele e il pane casereccio, cotto nei forni a legna. In primavera è possibile assaggiare fave e piselli teneri; in estate, pomodori secchi e carciofini selvatici sott’olio, olive verdi in salamoia e olive nere ‘mpanuti, cioè essiccate al sole o nel forno. Fiore all’occhiello, inoltre, ricotte e formaggi pecorini, carne di castrato, salumi e salsiccia di puro suino degli animali allevati nel circondario. Tra i piatti tipici roccafioritani non si possono non citare i maccarruni cû sucu, pasta fresca fatta in casa condita con sugo di maiale, di castrato o di salsiccia; la carni ‘nfurnata, carne di pecora o di capra cotta nel forno a legna e servita, soprattutto, in occasione delle feste di paese; ‘a mustarda, un dolce preparato col mosto cotto e i mastrazzoli, biscotti fatti con il miele.

 

PROGRAMMA

Sabato 24 novembre

Dalle 16 alle 20

Stands espositivi

Domenica 25 novembre

Dalle 10 alle 20

Stands espositivi

Stands Espositivi suddivisi i 5 categorie di prodotti:

  1. Grano, Farina, Pane e Pasta Fresca
    (Laboratori per fare Pane, Biscotti, Maccheroni)
  2. Latte, Tuma e Ricotta
    (Laboratorio del Casaro)
  3. Carne Suina e Ovi-Caprina
    (Salsiccia, Insaccati, Porchetta la forno)
  4. Vino e Cantine
    (Giro delle Cantine, Vini e Mostarda)
  5. Sapori Spontanei, Frutta e Frutta Secca
    (Minestra di Campagna, Carciofino Selvatico, Origano, Finocchietto Selvatico, Pere Spinelle, Mele di stagione, Frutta Secca)

Laboratori Esperenziali e lezioni Collettive finalizzate ad apprendere le antiche ritualità della nostra cucina tipica.

I Laboratori saranno tenuti dalle massaie del paese e dalle aziende locali, che avranno cura di trasmettere tradizioni e sapori della cultura enogastronomica di Roccafiorita.

Buona Sagra alla scoperta di Roccafiorita.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.