Roccafiorita si prepara alla sua "Sagra d'Autunno" | IL PROGRAMMA :ilSicilia.it
Messina

Il 24 e il 25 novembre

Roccafiorita si prepara alla sua “Sagra d’Autunno” | IL PROGRAMMA

di
20 Novembre 2018

La vostra Patti Holmes vuole fare un salto a Roccafiorita (ME), il più piccolo comune del mezzogiorno d’Italia, in cui, il 24 e il 25 novembre, si svolge la “Sagra d’Autunno“, un percorso esperenziale tra profumi e sapori alle falde di Monte Kalfa. E siccome piatto ricco mi ci ficco, pronta con la valigia, ne vado alla scoperta.

1. La sua storia, secondo alcuni studiosi, è legata ai Tauromeneti, gli abitanti di Taormina. Nel 36 a. C, nel corso della guerra fra Sesto Pompeo e Ottaviano, le truppe di quest’ultimo sbarcarono a Naxos per riprendere la città a Sesto Pompeo, che l’aveva in precedenza occupata. Per ripopolare Tauromenium, dopo i danni della guerra subita, ma anche per presidiarla, Ottaviano, divenuto Augusto, nel 21 a.C.vi inviò una colonia di Romani, a lui fedeli, e nel contempo espulse gli abitanti a lui contrari. Un gruppo molto corposo di Tauromeneti, dispersi, si stanziarono, così, alle pendici del monte Kalfa, proprio dove oggi sorgono i paesini di Limina e Roccafiorita.

2. Secondo altri, invece, il primo nucleo di Roccafiorita sarebbe stato fondato da abitanti della più vicina Phoinix che, proprio nel 36 a.C. , aveva dato ospitalità per una notte all’esercito di Sesto Pompeo prima della battaglia contro Ottaviano.

3. Nel corso degli anni, sono state rinvenute, nel territorio di Roccafiorita, numerose tracce di urbanizzazione risalenti all’epoca romana.

4. Durante il Medioevo il territorio di Roccafiorita fu inglobato nel Marchesato di Limina per quanto riguarda gli affari civili e amministrativi; dipendeva da Savoca, invece, per ciò che concerne l’aspetto ecclesiastico.

5. Nel 1610 il Marchese di Limina, Pietro Balsamo, decise di fondare una cittadina nel feudo di cui era proprietario. Nacque così Acqua Grutta, dal nome del feudo. Successivamente il paese cambiò il nome in Rocca Kalfa e, infine, in Roccafiorita, che deriva dal latino medievale Rocca Florida.

6. Nel 1817 con l’abolizione del feudalesimo in Sicilia, Roccafiorita fu eretto a comune autonomo e venne inserito nel Circondario di Savoca.

7. Il comune venne soppresso ad opera del Regime fascista e aggregato al vicino comune di Mongiuffi Melia; riacquistò la sua autonomia comunale nel 1947.

8. Il suo stemma è così descritto dallo statuto comunale: «D’argento, al leone di rosso coronato d’oro. Ornamenti esteriori del Comune

Roccafiorita

Adesso è arrivata l’ora di tuffarci tra i sapori della Sagra d’Autunno, ricordando che questo delizioso borgo ha una grande tradizione gastronomica che si basa sui prodotti offerti dal territorio: il vino, lavorato con metodi tradizionali e stagionato in botti di rovere, l’olio extravergine d’oliva, i carciofini, il finocchietto, l’origano, il miele e il pane casereccio, cotto nei forni a legna. In primavera è possibile assaggiare fave e piselli teneri; in estate, pomodori secchi e carciofini selvatici sott’olio, olive verdi in salamoia e olive nere ‘mpanuti, cioè essiccate al sole o nel forno. Fiore all’occhiello, inoltre, ricotte e formaggi pecorini, carne di castrato, salumi e salsiccia di puro suino degli animali allevati nel circondario. Tra i piatti tipici roccafioritani non si possono non citare i maccarruni cû sucu, pasta fresca fatta in casa condita con sugo di maiale, di castrato o di salsiccia; la carni ‘nfurnata, carne di pecora o di capra cotta nel forno a legna e servita, soprattutto, in occasione delle feste di paese; ‘a mustarda, un dolce preparato col mosto cotto e i mastrazzoli, biscotti fatti con il miele.

 

PROGRAMMA

Sabato 24 novembre

Dalle 16 alle 20

Stands espositivi

Domenica 25 novembre

Dalle 10 alle 20

Stands espositivi

Stands Espositivi suddivisi i 5 categorie di prodotti:

  1. Grano, Farina, Pane e Pasta Fresca
    (Laboratori per fare Pane, Biscotti, Maccheroni)
  2. Latte, Tuma e Ricotta
    (Laboratorio del Casaro)
  3. Carne Suina e Ovi-Caprina
    (Salsiccia, Insaccati, Porchetta la forno)
  4. Vino e Cantine
    (Giro delle Cantine, Vini e Mostarda)
  5. Sapori Spontanei, Frutta e Frutta Secca
    (Minestra di Campagna, Carciofino Selvatico, Origano, Finocchietto Selvatico, Pere Spinelle, Mele di stagione, Frutta Secca)

Laboratori Esperenziali e lezioni Collettive finalizzate ad apprendere le antiche ritualità della nostra cucina tipica.

I Laboratori saranno tenuti dalle massaie del paese e dalle aziende locali, che avranno cura di trasmettere tradizioni e sapori della cultura enogastronomica di Roccafiorita.

Buona Sagra alla scoperta di Roccafiorita.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.