Rory Quattrocchi: una serata tra amici rievocando quarant'anni di carriera :ilSicilia.it
Palermo

con Mario Azzolini

Rory Quattrocchi: una serata tra amici rievocando quarant’anni di carriera

11 Novembre 2019

Il Circolo Arci Fontarò, all’interno della sezione Teatro curata da Enrico Stassi, dedica una serata speciale all’attrice Aurora, Rory per gli amici, Quattrocchi.

L’attrice palermitana, mercoledì 13 novembre alle ore 21:30, si racconterà al pubblico in compagnia del giornalista Mario Azzolini e altri amici.

Parlerà dei suoi quaranta e più anni di carriera, dagli esordi teatrali con Franco Scaldati e Luigi Maria Burruano.

E poi  le collaborazioni con altri registi della scena teatrale italiana, la pluriennale attività sul grande schermo e la cospicua partecipazione a fiction di successo.

Rory Quattrocchi
Rory Quattrocchi

Con lei amici, vecchi e nuovi, che sveleranno episodi e aneddoti legati non solo alla carriera ma anche ai suoi incontri.

E all’amore viscerale per la sua città, tanto forte quanto il desiderio di staccarsi ogni tanto da essa, partendo per viaggi lunghi e avventurosi.

Sarà un’occasione per scoprire aspetti meno noti della sua personalità, anche al di là dei personaggi più ricorrenti.

Come l’amore per la musica e il canto che sul palco di Fontarò Rory avrà modo di esprimere con alcune esibizioni accompagnate alla chitarra da Gaspare Perricone.

La carriera

Rory è nella storia della scena palermitana, anzi è la storia del teatro a Palermo: sia perché è stata testimone e interprete di una stagione irripetibile e sia, soprattutto, per esserne tuttora protagonista di eccellenza.

Aurora (Rory) Quattrocchi esordisce in teatro nella prima metà degli anni Settanta.

Prima con Franco Scaldati e poi Luigi Maria Burruano in Attore con la O chiusa e sarà poi la storica interprete di Palermo oh cara, spettacolo-simbolo della città, nel doppio ruolo della Vecchia e di Rosuccia.

Molto attiva sia sul grande che sul piccolo schermo, così come sul palcoscenico, ha ricevuto il premio “Rosa Balisteri” (2002) e il premio “Franco Franchi” (2006) come riconoscimenti alla sua carriera.

La sua interpretazione nel film Nuovomondo di Emanuele Crialese le è valsa il Prix pour la meilleure interpretation feminine al Festival du Cinema Europeen di Essonne (2006); il Silver Apricot-Special Prize allo Yerevan International Film Festival (Armenia, 2007) e la nomination come miglior attrice non protagonista del Chlotrudis Awards-Boston Critics Film (2008).

L’ingresso alla serata (Largo Lituania 10, ex Via Danimarca 50/D) è libero.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.