17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.05
Palermo

avrebbe compiuto 92 anni

Rosa Balistreri, la voce degli “ultimi”: l’omaggio di Modestini, Azzolini e Apprendi

21 Marzo 2019

Oggi avrebbe compiuto 92 anni, ma le sue canzoni, la sua voce, sono sempre più attuali, in una società che tende ad arretrare in materia di diritti.
“Rosa Balistreri è un personaggio che cammina sopra un filo di cotone, un personaggio che ha un cuore per tutti, che ama tutti ; un cuore vecchio e antico per la Sicilia di Vittorini e di Quasimodo, un cuore giovane per la Sicilia di Guttuso e di Leonardo Sciascia .”

Pino ApprendiCosì scrive il poeta Ignazio Buttitta in una lettera autografa del 22 ottobre 1984. Rosa Balistreri , attratta dai valori della sua terra, della tradizione popolare, si costruisce un denso repertorio popolare facendo riferimento alla sua sofferta infanzia e giovinezza. Canta per “Gli ultimi”, per i contadini sfruttati, per i carcerati, per i siciliani emigrati, ma canta anche deliziose ninne nanne e canzoni d’amore.

“Ci  manca una cantautrice come Rosa –  dice Pino Apprendi, fondatore del “Premio Rosa Balistreri e Alberto Favara” – con il suo  temperamento e la forza della sua voce per raccontare le storie dei tanti che fuggono dalla fame e dalle guerre, delle madri che affidano al mare Mediterraneo la speranza di salvare il proprio figlio, dei tanti femminicidi e la violenza sulle donne e sui bambini”.

“Oggi 21 marzo con Mario Modestini e Mario Azzolini, presidente e componente la commissione del ‘Premio Rosa Balistreri e Alberto Favara’, istituito nel 1993, ci recheremo al Roseto Rosa Balistreri per renderle omaggio”.

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.