22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.11
Palermo

fino al 5 maggio

“Rosalia eris in peste patrona”, la mostra a Palazzo Reale

7 Settembre 2018

Grande successo per l’iniziativa della Fondazione Federico II che ha aperto al pubblico Palazzo Reale per ospitare la mostra “Rosalia eris in peste patrona“. Si tratta di una ricchissima esposizione di capolavori, visitabili fino al 5 maggio del prossimo anno, di Van Dyck, Novelli, La Barbera, Preti, e di documenti d’epoca, esposti per celebrare il culto della Patrona di Palermo da cui affiorano aspetti finora sconosciuti.

L’idea della Fondazione, presieduta dal numero uno dell’Ars, Gianfranco Miccichè e diretta da Patrizia Monterosso, è stata portata avanti in sinergia con l’Assemblea regionale siciliana, il dipartimento regionale dei Beni culturali, la Soprintendenza per i Beni culturali e l’Arcidiocesi di Palermo.

Stasera, è prevista, dalle 20,15 alle 24 (l’ultimo ingresso è alle 23) la visita alla mostra “Rosalia eris in peste patrona” e ai Giardini Reali al costo di 3 euro. Sarà possibile anche assistere, gratuitamente, al video mapping Al – Qasr proiettato sul prospetto rinascimentale di Palazzo Reale. Si tratta di una storia che racconta il rapporto fra il Palazzo, la città e Santa Rosalia.

Rosalia eris in peste patrona"È così che Palazzo dei Normanni schiude le sue porte e svela anche ai turisti la magnificenza di tutto il complesso: per la prima volta dal 1840, infatti, è stato riaperto il Portone Monumentale Vice Regio di Piazza del Parlamento. La nuova biglietteria, così come il nuovo ingresso, sono proprio sul fronte principale del Palazzo. In  piazza del Parlamento in quello che era, originariamente, l’unico accesso allo storico Palazzo.

Di nuovo c’è anche il bookshop che si trova nel primo ambiente che si rivela all’apertura del Portone Monumentale.

Un grande spazio dotato di un’area per piccoli eventi e presentazione di libri ma soprattutto dell’affresco della “Madonna del Rosario con San Domenico” di Giuseppe Spadafora junior. Dopo un attento e accurato recupero è stato staccato e riposizionato.

“Santa Rosalia – dice Gianfranco Miccichè –  ci ha salvato dalla peste nel 1624. Oggi le chiediamo di liberarci dalle pesti moderne: dall’intolleranza verso i migranti, dall’odio, dal razzismo e dalla cattiveria verso gli altri“.

Poi si concentra su quello che è per lui un successo personale: “L’apertura dell’ingresso monumentale di Palazzo Reale è un progetto che avevo iniziato dieci anni fa, quando venni eletto presidente dell’Ars per la prima volta: progetto che aveva subito uno stop ma che, grazie alla collaborazione degli uffici dell’amministrazione, guidati dal segretario generale, Fabrizio Scimè e di tutti coloro che hanno collaborato, ci consentono oggi di raggiungere questo straordinario risultato”.  

A fargli da eco il direttore generale della Fondazione Federico II, Patrizia Monterosso: “Abbiamo scelto di investire risorse e energie, il collante di tutto questo lavoro sta nella cooperazione culturale e nella valorizzazione dei Beni Culturali in sinergia con le altre Istituzioni presenti sul territorio italiano e straniero. La Patrona di Palermo racchiude in sè un alto valore simbolico, significativo e fondante di una certa religiosità che, andando oltre tradizione, valorizza la dimensione ascetica pur mantenendo, nello stesso tempo, un ruolo concreto nei confronti della cittadinanza”.

 

Gli orari di visita della mostra:

Lunedì/Sabato dalle ore 8.15 alle ore 17.40 (ultimo biglietto ore 16.00).

Domenica e festivi dalle ore 8.15 alle ore 13.00 (ultimo biglietto ore 12.15).

Costo dei biglietti:

Intero 6 euro, per i ragazzi dai 14 ai 17 anni 3 euro, per gli studenti in visita didattica scolastica 1 euro.

Ingresso ai Giardini Reali

Tutti i giorni 2 euro.

Ingresso mostra, Cappella Palatina e Appartamenti Reali

Da venerdì a lunedì e festivi e quando gli Appartamenti Reali sono visitabili. Il costo dei biglietti: intero 12 euro, ridotto 10 euro.

Ingresso mostra e Cappella Palatina

Da martedì a giovedì e quando gli Appartamenti Reali non sono visitabili. Il costo dei biglietti: intero 10 euro, ridotto  8 euro.

Hanno diritto al biglietto ridotto gli insegnanti di ruolo e i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Costo biglietto ridotto tutti giorni

Cittadini di età pari o superiore ai 65 anni, 8 euro.

Ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni, 4 euro.

Studenti in visita didattica scolastica, 2 euro.

È possibile effettuare la prenotazione per la visita alla mostra e al Complesso Monumentale inviando una mail a fondazione@federicosecondo.org. Per ottenere maggior informazioni è disponibile anche un numero di telefono: 091 6262833.

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.