26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42

150° anniversario dalla sua scomparsa

Rossini e “la sostenibile pesantezza dell’avere”

13 Novembre 2018

Carissimi

Oggi ricorre il 150° anniversario dalla sua scomparsa e avendo più volte in passato scritto in modo allegro su di lui, voglio a modo mio celebrare questo grande, unico e ironico personaggio, grande musicista Pesarese apprezzato anche in vita (raro per l’epoca) riprendendo un editoriale che bene lo descrive (da Leggendo Epruno 1 – La sostenibile pesantezza dell’avere – 22Lug2010).

Siamo sicuri di fare ciò che la nostra indole desidera come mestiere o siamo costretti a fare tutt’altro per sopravvivere????

Questo “pacioso” signore di fianco, era un amante della buona cucina.

Sin da bambino – secondo i suoi biografi – avrebbe fatto il chierichetto essenzialmente per poter bere qualche ultima goccia del vino contenuto nel calice del prete.

rossiniUna delle frasi che gli vengono attribuite e che, per questo aspetto, meglio lo definiscono è quella secondo cui l’appetito è per lo stomaco quello che l’amore è per il cuore.

Non conosco – soleva aggiungere – un lavoro migliore del mangiare.

Peccato che per mestiere, oltre a godersela, quest’uomo di nome Gioacchino Rossini, facesse il compositore!

Era spesso alla ricerca di prodotti di ottima qualità che faceva giungere da diversi luoghi: da Gorgonzola l’omonimo formaggio, da Milano il panettone, ecc.

Una delle ricette che Rossini amava di più è l’insalata che aveva personalmente ideato, composta da mostarda, limone, pepe, sale, olio d’oliva e tartufo.

Il Rossini compositore, morirà a circa 32 anni, ancor prima di un altro genio precoce Mozart (35 anni), ma il Rossini godereccio, vivrà fino a 70 anni di rendita, (morirà il 13 Novembre 1868 a Passy (Parigi)), uno dei pochi musicisti a morire ricco, questo deve fare riflettere anche chi vuole togliere gli scaloni pensionistici, lavorare fino a 32 anni e vivere di pensione fino a 70….roba da far venire l’infarto a qualunque ministro del lavoro!!!

Ma godersela, aiuta ad allungare la vita specialmente se si è dotati di una certa ironia, un carattere tale che …udite….udite (non è una battuta di pessimo gusto)….. tale da farsi apprezzare dal “sordo” Beethoven, un mito della musica classica che andava pazzo per Rossini, lui abituato al rigore e forgiato anche dalle lezioni rigorose di Haydn, con il quale litigava abbondantemente, andava pazzo per il trasgressivo Rossini, che al suo “orecchio” avrà dato le stesse sensazioni che può dare al maestro Abbado la musica di Vasco Rossi!!!!!!!!!

Nel 1822 Rossini (30 anni) parte per Vienna.

Qui ottiene grandi consensi rappresentando alcune sue vecchie Opere e coglie l’occasione per incontrare l’ormai vecchio e sordo Beethoven (52 anni….. sarebbe morto 3 anni dopo) che non mancherà però di fargli i suoi complimenti (“Non cercate di far altro che opere buffe: voler riuscire in un altro genere sarebbe far forza alla vostra natura”) ed accompagnandolo alla porta si narra che gli abbia detto “Maestro….ne scriva altri di quei barbieri” (barbiere di Siviglia).

Cose da pazzi, Beethoven, un mito, andava pazzo per la “rock-music dell’epoca”, di quel giovane pesarese  capace di far cantare contemporaneamente con testi diversi fino 6 cantanti sulla stessa scena (i cori rossiniani della cenerentola).

E chi lo sa, a questo punto, se non aveva ragione Festa Campanile, quando in una sua biografia buffa, raccontava di un Beethoven sordo e sempre “incazzato”, perché la gente durante le sue composizioni non ballava, convinto come era, di aver composto dei valzer…

Un abbraccio, Epruno

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.