Rosy Bindi: "La mafia di Riina era stata già sconfitta prima della sua morte. Ora la verità" :ilSicilia.it

Riina è deceduto stanotte dopo una lunga malattia

Rosy Bindi: “La mafia di Riina era stata già sconfitta prima della sua morte. Ora la verità”

17 Novembre 2017

Tante le reazioni del mondo politico alla morte di Totò Riina, deceduto stanotte dopo una lunga malattia. Degno di nota è il pensiero della presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi:

Totò Riina è stato il capo indiscusso e sanguinario della Cosa Nostra stragista – spiega la Bindi in un comunicato – Quella mafia era stata già sconfitta prima della sua morte, grazie al duro impegno delle istituzioni e al sacrificio di tanti uomini coraggiosi e giusti. Non possiamo dimenticare quella stagione drammatica – continua – segnata dal delirio eversivo di un uomo spietato, che non si è mai pentito dei suoi crimini efferati e non ha mai collaborato con la giustizia. A noi resta il dovere di cercare le verità che per tutti questi anni Riina ha nascosto e fare piena luce sulle stragi che aveva ordinato. La fine di Riina – ha concluso Rosy Bindi – non è la fine della mafia siciliana che resta un sistema criminale di altissima pericolosità‘”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona