Ruba valigetta coi codici bancomat e preleva il bottino, arrestato pluripregiucato a Catania :ilSicilia.it
Catania

un 51enne

Ruba valigetta coi codici bancomat e preleva il bottino, arrestato pluripregiucato a Catania

di
12 Giugno 2021

I poliziotti del Commissariato Sezionale di P.S. Borgo Ognina (Catania), hanno denunciato per il reato di ricettazione ed indebito utilizzo di carte di credito il 51enne R.M., pluripregiucato.

A seguito della denuncia del furto di una valigetta su un’auto in sosta, contenente un pc e delle carte bancomat, e del successivo prelievo, sempre ad opera di ignoti, di un’ingente somma di denaro agli sportelli bancomat, gli investigatori avviavano immediate indagini per risalire all’autore del reato.

Esaminando i filmati dei sistemi di video sorveglianza delle banche in cui il malvivente aveva fatto i prelievi, si riusciva a risalire in modo certo all’autore del reato, già noto alle forze di polizia per i numerosi precedenti penali che annoverava.

La vittima del furto ha espresso la sua gratitudine alla Polizia per essere tempestivamente riuscita ad individuare l’autore del furto.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin