Rubarono 80 centesimi, tre minori "condannati" a Gela :ilSicilia.it
Caltanissetta

Avevano aperto auto dove c'era denaro che negano d'aver preso

Rubarono 80 centesimi, tre minori “condannati” a Gela

24 Marzo 2019

A Gela tre minorenni dovranno svolgere per otto mesi attività di volontariato per avere compiuto, lo scorso anno, un “furto aggravato” di 80 centesimi. L’ha deciso il gup del tribunale dei minori di Caltanissetta.

I tre ragazzi (due maschi e una femmina) si sono trovati nei guai per una scommessa lanciata da uno di loro secondo il quale la chiave della Fiat Panda del padre fungeva da passepartout per aprire tutte le auto di quel tipo. Il ragazzo vinse la scommessa perché la macchina presa di mira, in un pomeriggio di noia, si aprì davvero.

La scena però fu seguita a distanza dal proprietario che mise in fuga i tre, denunciando l’episodio a una volante. Quando il padrone della Panda dichiarò, conciliante, che dall’auto erano stati portati via “solo gli spiccioli” del porta oggetti, 80 centesimi, scattò lo stesso la denuncia, anche se i tre negano di avere preso i soldi.

Fino a novembre dovranno dedicarsi ad autistici e anziani e dimostrare di avere meritato il perdono giudiziario.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.