"Rubavano rifiuti dalle isole ecologiche", denunciati 7 operatori Rap :ilSicilia.it
Palermo

Avviati provvedimenti disciplinari

“Rubavano rifiuti dalle isole ecologiche”, denunciati 7 operatori Rap

di
31 Gennaio 2018

PALERMO – La Polizia Municipale ha concluso le indagini a carico di 7 operatori della RAP, l’azienda di igiene urbana, che sono stati segnalati all’autorità giudiziaria con l’accusa di furto aggravato e continuato in concorso tra loro.

ingombranti rap palermoDopo un anno di osservazione ed appostamenti compiuti dagli agenti del nucleo di polizia giudiziaria del servizio sicurezza sedi e controlli stradali, in diverse isole ecologiche della città, è emerso che i 7 avevano di fatto “autorizzato” un rigattiere al ritiro dei rottami di ferro, plastica o legno che venivano consegnati dai cittadini.

In sostanza, gli operatori della RAP, si appropriavano di quanto conferito dai cittadini presso le isole ecologiche (ingombranti, mobili, rifiuti elettrici, elettrodomestici dismessi ed altro), allo scopo di rivenderli direttamente oppure favorire un raccoglitore “amico”. 

Il tutto, oltre a configurarsi come un illecito, danneggia l’immagine dell’azienda in quanto fa apparire minore della realtà il quantitativo di ingombranti smaltiti in modo lecito e corretto, nonché abbassa la percentuale ufficiale di raccolta differenziata.

L’azienda sta avviando le proprie procedure interne di verifica al fine di valutare l’adozione di provvedimenti disciplinari secondo quanto previsto dal contratto.

La RAP ricorda inoltre che per tutti i rifiuti ingombranti è disponibile il servizio di ritiro gratuito a domicilio, che può essere richiesto tramite il numero verde 800.237713 o tramite l’APP disponibile per Android e iOS e che le “Isole ecologiche” sono calendarizzate in tutte le circoscrizioni secondo quanto riportato sul sito istituzionale all’indirizzo http://www.rapspa.it/site/consegna-presso-postazioni-mobili/

Il sindaco Leoluca Orlando ha espresso il suo apprezzamento “tanto per il lavoro svolto dalla Polizia Municipale per il controllo e la repressione di comportamenti che danneggiano l’azienda e tutta la comuntià, quanto per l’impegno della RAP per offrire ai cittadini sempre più diffusi strumenti per il corretto smaltimento dei rifiuti.”

 

Rap riunioneIntanto oggi presso la sede di piazzetta Cairoli della Rap si è riunito  il tavolo tecnico operativo composto da Rap ( Area Raccolte differenziata), rappresentanti della Polizia Municipale e Palermo Ambiente, con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini,  residenti nell’area dove vige la raccolta differenziata “porta a porta”, ad un corretto conferimento delle frazioni differenziate nei giorni prestabiliti.

“Stiamo intensificando – spiega il presidente protempore della Rap Sergio Vizzini – le azioni sinergiche con la Polizia Municipale e Palermo Ambiente al fine di sensibilizzare i cittadini  ad una più corretta e qualificata raccolta. I dati consegnati dal dirigente della R.D Ing. Antonio Putrone durante la riunione registrano un rilassamento da parte dei cittadini nel non differenziare correttamente. In considerazione di tanto,  quindi, si rende necessaria una campagna di sensibilizzazione  per il coinvolgimento e la partecipazione alle logiche che motivano la raccolta differenziata”.

Marchese e Vizzini rapPresente alla riunione anche il comandante dei Vigili Urbani Gabriele Marchese e il suo vice Luigi Galatioto: “La Rap e La Polizia Municipale faranno la loro parte – dichiara il comandante –  ma i cittadini devono collaborare, devono farsi parte attiva. La città è di tutti. Bisogna essere consapevoli che devono essere loro a portare avanti una rivoluzione culturale anche denunciando fatti illeciti; dal canto nostro vigerà l’anonimato e la tutela del cittadino. L’utilizzo della tecnologia aiuta, ma soltanto nel momento che c’è una rete unitaria di condivisione e controllo da più attori a 360 gradi”.

Da tre settimane si lavora sull’area del “porta a porta”. Campagne di sensibilizzazione e controllo già avviate in via Siracusa, via Catania, via Agrigento, via Trapani, via Messina, via Nicolò Garzilli e via Principe di Villafranca.

Stamattina in azione squadre di Rap e Polizia Municipale (Nucleo Tutela,Decoro, Vivibilità)  in via Gaetano Daita , via Isidoro La Lumia e via Simone Corleo. Sono state verificate circa 40 anomalie nei conferimenti da parte dei condomini. Da gennaio ad oggi sono 146 i controlli effettuati con l’emissione di 75 verbali.

La prossima settimana “Palermo Ambiente” continuerà la campagna di sensibilizzazione nel quadrilatero Libertà (tratto Croci-Politeama) e contatterà i condomini dove sono stati riscontrati da parte di Rap diversi abbandoni su strada oltre ai non corretti conferimenti. A campione entrerà in gioco la Polizia Municipale per attività di vigilanza e controllo. Obiettivo: diminuire quanto più possibile i rifiuti da portare in discarica, aumentare la percentuale di differenziata per la sostenibilità e il rispetto della natura e dell’ambiente.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.