Ruggero Settimo di che dinastia era? :ilSicilia.it
Palermo

La stravagante rassegna stampa dal barbiere

Ruggero Settimo di che dinastia era?

di
3 Febbraio 2017

Carissimi,

grazie per esser tornati a trovarmi dal mio barbiere per l’appuntamento mensile con il taglio dei capelli. Sapete devo far fruttare al meglio il mio poco tempo libero e come raccontatovi un mese fa questo per me è un momento sacro, nel quale mi rilasso lasciandomi coinvolgere in una sorta di talk-show ante litteram dove nell’attesa che Salvatore tagli i capelli anche a noi, si affrontano temi semplici o complessi con la stessa competenza e leggerezza con la quale si parla di pallone. Dal barbiere tutto è permesso.

L’argomento del giorno è stato come sempre lanciato dai titoli dalla pagina del quotidiano locale, lette ad alta voce, dall’attempato Rag. Lo Stimolo.

Premetto che gli abitudinari astanti del tradizionale barbiere sono o persone in età o gente semplice, ma di un umor superiore alla media e godendo della circostanza che sotto le forbici si è tutti uguali ci si può permettere di interloquire e dialogare alla pari mettendo da parte qualunque titolo e ruolo, per cui questa stravagante mini rassegna stampa rischia sovente di diventare un momento di grande divertimento.

Alla lettura del titolo “i commercianti di via Ruggero Settimo parlano di crisi”, il signor Mario, aiuto fruttivendolo ambulante con la lapa posizionata all’angolo della strada, seduto come sempre tra di noi, non in qualità di cliente ma al solo scopo di far passare il tempo visto che a quell’ora del pomeriggio non si vende già più nulla, si rivolge al Lo Stimolo chiedendo: “Ragioniere ma questo Re, Ruggiero VII di quale dinastia era? Un Borbone o uno Spagnolo?

A questo punto interviene il Sig. Michele, portiere custode dello stabile accanto che redarguisce l’amico fruttivendolo dicendo: “Come quale dinastia? Ruggero VII era il famoso Ruggero d’Altavilla, cca o latu, vicino Palermo”.

Si intromette anche Salvatore per dire la propria e correggere: “Ma quale Altavilla, in realtà se non ricordo male liggivi che era di Palermo”.

La discussione a questo punto si fa più complicata con l’apporto di altri clienti di passaggio, in attesa del turno, a tal punto che questo Ruggero c’è chi afferma essere un Borbone, chi dice trattasi di un sultano arabo, chi ne ricorda addirittura il cognome “Ruggero VII di Buglione“, chi afferma trattarsi di un personaggio nominato nell’Orlando Furioso, fin quando il Rag. Lo Stimolo, toltosi gli occhiali da vicino, poggiato il giornale sulla sedia accanto, con un’aria tra lo snob e il disprezzo per le tante castronerie sentite, afferma: “avirità è che siti tutti gnuranti, ma la colpa non è vostra ma dell’ex Cavaliere e di tutta quella scadente televisione che vi fanno vedere“.

Salvatore sentitosi punto nell’orgoglio mentre continua a tagliare i capelli al cliente dice “allura visto che lei è persona allittrata, nnu dicissi lei che re era questo Ruggero Settimo”. Il Rag. Sbuffando lo imbecca dicendo ….. “Ma quali re e fante? Ruggero Settimo era un ammiraglio e politico nato a Palermo vissuto tra il mille e settecento e l’ottocento e fu magari ministro del Regno delle Due Sicilie. Settimo era il cognome”. Il sig. Michele a questo punto per cadere in piedi come si suol dire, risponde: “Sicuro che non era un re che faceva politica? Va beh, parramu di palluni secondo voi che fa u Palermu domenica?” Questa volta confortato dall’argomento il Sig. Mario, l’aiuto fruttivendolo risponde: “Ce la dovessimo fare, avessimo a vincere!

Il caro Salvatore sempre intento a tagliare i capelli del cliente, voltatosi verso il sottoscritto: “Dottore non ci facesse caso, l’amico soffre un poco di congiuntivite”. A quel punto il Rag. Lo Stimolo non potendosi trattenere e come chi aspetta questo momento da tempo, facendo un gesto ad indicare i presenti disfiziato sentenza: Minchia! Palermo Capitale della Cultura. Un abbraccio, Epruno.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin