Ryanair cerca assistenti di volo, selezioni aperte anche in Sicilia :ilSicilia.it

mercoledì 12 dicembre

Ryanair cerca assistenti di volo, selezioni aperte anche in Sicilia

10 Dicembre 2018

Ryanair cerca assistenti di volo in tutta Italia, sta, infatti, svolgendo in questi giorni i “recruiting day“, in diverse città della penisola.
Selezioni aperte anche in Sicilia per mercoledì 12 dicembre nella città di Catania.

I candidati dovranno sottoporsi a un test di lingua inglese e poi superare un colloquio con i responsabili delle risorse umane della compagnia. Per partecipare alla selezione, i candidati devono essere in possesso del passaporto europeo, avere un’altezza compresa fra i 157 e 188 cm, nonché un peso proporzionato.

Fondamentale poi saper dimostrare capacità natatorie per almeno 25 metri, senza aiuti, viene richiesta anche flessibilità a lavorare su turni e avere buone capacità relazionali. I selezionati svolgeranno poi un corso di formazione e concorreranno per un contratto che arriva fino a 30mila euro annui.

Per partecipare al recruiting day si deve accedere all’area “Lavora con noi” del sito di Ryanair.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.