Sabato sera di sangue: due incidenti mortali in Sicilia :ilSicilia.it
Catania

A Catania e nel Ragusano

Sabato sera di sangue: due incidenti mortali in Sicilia

di
9 Settembre 2018

Due incidenti mortali tra sabato 8 e domenica 9 settembre in Sicilia.

Il primo, in via Filippo Eredia, nel quartiere Nesima a Catania. A perdere la vita il catanese A.A., di 47 anni. Secondo una prima ricostruzione degli agenti dell’infortunistica stradale la vittima, che era alla guida di una Lancia Y, avrebbe perso il controllo del mezzo, schiantandosi su due auto parcheggiate. Sul posto è arrivata un’ambulanza del 118, ma i sanitari non hanno potuto che constatare il decesso.

Il secondo schianto mortale sulla SP 17 che da Vittoria porta alla frazione di Scoglitti, nel Ragusano. Un 23enne ha perso la vita nella notte in seguito a un incidente stradale avvenuto per cause ancora in corso di accertamento. Il giovane, originario di Vittoria, che era alla guida della sua auto, si è scontrato con una moto. Il ragazzo è morto poco dopo in ospedale, dopo essere stato soccorso dal 118.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.