Sabrina Figuccia a Orlando: "Che fine fanno i soldi della Tassa di Soggiorno a Palermo?" :ilSicilia.it
Palermo

Interrogazione al sindaco

Sabrina Figuccia a Orlando: “Che fine fanno i soldi della Tassa di Soggiorno a Palermo?”

di
21 Gennaio 2020

Un’interrogazione al sindaco di Palermo Leoluca Orlando per sapere come vengono spesi gli introiti derivanti dalla Tassa di soggiorno: l’ha presentata il consigliere comunale dell’Udc Sabrina Figuccia: “Quanto incassa ogni anno il Comune di Palermo dalla tassa di soggiorno? Che fine fanno questi soldi? Come vengono spesi? Sono questi alcuni dei quesiti che stamattina ho posto al sindaco in un’interrogazione urgente”, afferma Figuccia.

Il boom di turisti e visitatori vantato dal sindaco in questi ultimi anni ha comportato un bell’introito per le casse del Comune grazie alla tassa di soggiorno – continua il consigliere comunale – Un bel gruzzoletto che, secondo la legge, dovrebbe essere utilizzato soprattutto per il rifacimento di strade e marciapiedi, nonché il recupero dei beni culturali e monumentali cittadini. Ma effettivamente queste somme vengono spese in questo modo? Per saperne di più – conclude Figuccia – ho chiesto spiegazioni al sindaco. Speriamo in una sua risposta veloce”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.