Sabrina Figuccia attacca Orlando: "Sulla polizia municipale di Palermo fa il gioco delle tre carte" :ilSicilia.it

La nota del consigliere comunale dell'Udc

Sabrina Figuccia attacca Orlando: “Sulla polizia municipale di Palermo fa il gioco delle tre carte”

di
1 Febbraio 2019

Il consigliere comunale dell’Udc a Palermo Sabrina Figuccia parla ancora una volta della polizia municipale e attacca il sindaco Leoluca Orlando: “Da tempo sostengo la battaglia di riconoscimento delle giuste indennità per gli agenti della Polizia Municipale  afferma Figuccia – “L’articolo 13 della legge regionale n.17/90, infatti, prevede che ai caschi bianchi vengano destinati circa 8 milioni di euro ogni anno, somme che però dalle parti di via Dogali nessuno vede già dal 2013, senza capire che fine abbiano fatto“.

Invece – prosegue la nota del consigliere comunale –, con la delibera di giunta n.14 dello scorso 30 gennaio, si stabilisce che i proventi derivanti dalle multe comminate ai cittadini contribuiscano a rimpinguare le asfittiche casse dell’amministrazione per il pagamento del salario accessorio dei dipendenti. È evidente come il sindaco cerchi, forse intenzionalmente, di fare confusione fra norme totalmente diverse. Intanto, spero che il sindaco spieghi come, dal 2013 ad oggi, il Comune abbia utilizzato gli 8 milioni di euro che la Regione Siciliana versa ogni anno al Comune per destinarli ai vigili urbani, e che invece i caschi bianchi finora non hanno ricevuto”.

Ma il consigliere di opposizione a Sala delle Lapidi non si ferma qui: “Adesso – afferma -, per cercare di tenere a bada i sindacati dei dipendenti comunali, scesi sul piede di guerra perché era stato bloccato il diritto sacrosanto del salario accessorio, Orlando e la sua Giunta hanno pensato bene di utilizzare le somme incassate da Palazzo delle Aquile dalle multe pagate dai palermitani, somme, lo ricordiamo, che dovrebbero essere utilizzate soprattutto per migliorare le strade cittadine”.

A questo punto Figuccia sferra la stoccata: “Come spesso capita, il sindaco fa il gioco delle tre carte: da un lato non sappiamo che fine fanno gli 8 milioni di euro per i vigili urbani, prende le somme delle multe per evitare guai con i dipendenti e lascia le strade nelle pietose condizioni che tutti noi cittadini viviamo sulla nostra pelle. Tutto questo – conclude – mentre tanti, troppi palermitani sono ormai in condizioni di reale povertà

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.