Sac, approvato bilancio 2019: "Utile di oltre 11 milioni di euro" :ilSicilia.it

Aeroporto di catania

Sac, approvato bilancio 2019: “Utile di oltre 11 milioni di euro”

di
26 Giugno 2020

L’assemblea dei soci di SAC spa, nel corso della seduta odierna, ha approvato il bilancio 2019, che si è chiuso con un utile di esercizio di 11,387 milioni di euro al netto delle imposte, confermando l’ottimo risultato dell’anno precedente. L’Ebitda (margine operativo lordo) si attesta a 30,165 milioni di euro, in crescita del 15%. Il valore della produzione è di 88,966 milioni di euro, in crescita del 13%.

Nel corso del 2019, SAC Spa ha effettuato investimenti in autofinanziamento per 7,102 milioni di euro, così ripartiti: Piani di sviluppo: 463.251 euro Interventi terminal: 1.332.035 euro Interventi Infrastrutture di volo: 16.594 euro Interventi impianti e mezzi: 1.770.428 euro Interventi viabilità: 2.146.597 euro Edifici vari: 26.000 euro Interventi vari e di manutenzione straordinaria: 1.346.636 euro.

Risultati economici e infrastrutturali nel triennio 2017-2019

Investimenti. Il valore complessivo degli investimenti nel triennio 2017/2019 è pari a 23.294.710 milioni di euro, in autofinanziamento, così suddivisi. Piani di sviluppo: 1.034.738 euro Interventi terminal: 4.421.844 euro Interventi infrastrutture di volo: 418.695 euro Interventi impianti e mezzi: 5.889.157 euro Interventi viabilità (inclusa l’acquisizione dell’area ex campo sportivo): 8.877.967 euro Edifici Vari: 30.154 euro Interventi vari e di manutenzione straordinaria: 2.622.154 euro “L’esercizio 2019 si è chiuso con numeri ottimi – commenta l’amministratore delegato di SAC, Nico Torrisi. Numeri che, sommati a quelli del biennio precedente, hanno generato una liquidità tale da consentirci di affrontare il drammatico anno in corso con una consistente riserva, che ci permetterà di contenere i danni causati dall’emergenza sanitaria mondiale. Sottolineo la sensibilità dei soci SAC, che ringrazio, perché, condividendo il progetto industriale di questa governance, hanno destinato gli utili a riserva, piuttosto che richiederne la distribuzione”. Nel dettaglio: Nel corso del 2019 sono stati effettuati numerosi interventi atti a migliorare la fruibilità del terminal da parte dei passeggeri e il comfort in aerostazione.

In particolare, gli interventi principali sono stati: – Installazione di due ascensori di cui uno a servizio dei PRM al fine di migliorare la movimentazione dei passeggeri a ridotta mobilità, rendendo più efficiente le fasi di imbarco degli stessi. – Realizzazione nuova sala PRM Airside, che permetterà una più agevole movimentazione dei passeggeri, sia in partenza che in arrivo. – Realizzazione nuova sistema di wayfind.

Nel 2019, è continuato l’aggiornamento di tutta la segnaletica aeroportuale all’interno dei terminal. La vecchia segnaletica statica è stata sostituita da un sistema di wayfinding digitale. Anche la segnaletica relativa ai voli, sia in landside che in airside, è stata aggiornata con le più moderne tecnologie. – Riqualifica Uffici Direzionali / COE.

Nel 2019 è stato realizzato il nuovo COE (Centro Operativo di Emergenza), presso gli uffici direzionali del sesto piano. – Sistema riconoscimento facciale. Al fine di migliorare la sicurezza dell’aerostazione, in alcune zone sensibili è stato installato un sistema di riconoscimento facciale per impedire l’accesso di personale non autorizzato. Tale sistema, direttamente sotto controllo della “Control Room”, permette una vigilanza attiva e dinamica delle persone che accedono in aree sensibili migliorando notevolmente la sicurezza aeroportuale. – Realizzazione del Parcheggio P6 nell’area ex Campo sportivo Goretti.

© Riproduzione Riservata
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.