Saccheggio in casa Guttadauro/Messina Denaro. Semplice raid o avvertimento? :ilSicilia.it
Trapani

Si segue una pista rumena, distrutte porte e pareti

Saccheggio in casa Guttadauro/Messina Denaro. Semplice raid o avvertimento?

di
7 Gennaio 2017

Stavolta è la famiglia del boss Messina Denaro a subire il colpo. Nel giorno dell’Epifania è stata svaligiata da ignoti la casa di Rosalia Messina Denaro e Filippo Guttadauro, esponente con il fratello della mafia di Brancaccio e Bagheria, rispettivamente sorella e cognato del boss di Castelvetrano. L’abitazione, che è intestata al figlio della coppia, Francesco Guttadauro, adesso in carcere, si trova nelle campagne del feudo del boss latitante nella contrada Strasatti-Paratore, ed è stata completamente messa sottosopra e la sorella del boss ha avvertito i carabinieri.

Sono stati saccheggiati alcuni quadri e rubata una cristalleria di valore; le forze dell’ordine giunte sul posto hanno notato come non sia stato un ‘semplice‘ furto vista la rimozione di alcune porte, la depredazione di alcune pareti e la rimozione di tutti gli impianti elettrici, compresi i cavi di alimentazione. Un colpo in stile ‘cacciatori di rame‘. I carabinieri, perlustrando l’abitazione, hanno ipotizzato che i malviventi avrebbero tentato invano di appiccare un incendio.

Se sia un ‘messaggio‘ alla famiglia del boss latitante o un raid da parte di furfanti saccheggiatori è ancora da scoprire; in piedi anche un’ipotesi che vedrebbe lo stesso Messina Denaro mandante dell’incursione. Qualsiasi siano le letture si potrebbero aprire scenari non prevedibili.

Nessun pista è esclusa anche se gli investigatori sarebbero orientati a privilegiare l’ipotesi che siano stati dei ladri, probabilmente ragazzi dell’est, romeni, completamente ignari dell’ “importanza” dei proprietari della casa.

Le impronte dei pneumatici lasciate sulla strada sterrata che conduce all’azienda agricola dei Messina Denaro-Guttadauro potrebbero, infatti, non essere l’unica traccia lasciata dai malviventi. La loro azione potrebbe essere stata immortalata da riprese filmate.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin