17 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.00
Palermo

Il progetto espositivo si articola in due momenti

“Sacra et pretiosa” in mostra i tesori nascosti del monastero di Santa Caterina a Palermo | Video servizio

28 Settembre 2018

Guarda il video servizio in alto

Sacra et Pretiosa” è il titolo della mostra che è stata inaugurata, venerdì 28 settembre, al Monastero di Santa Caterina.

Il progetto espositivo si articola in due momenti, il primo dal titolo “Il Monastero d Santa Caterina nel cuore di Palermo Capitale“, curato da Lina Bellanca, Maria Concetta di Natale, Sergio Intorre e Maria Reginella, in cui vengono valorizzati gli ambienti del Monastero stesso facendoli rivivere attraverso la contestualizzazione degli arredi originali. Queste opere, rilette oggi, costituiscono una rappresentazione plastica della realtà e del prestigio di Palermo Capitale e dei suoi artisti nel periodo barocco.

Il secondo momento, in fase di preparazione, dal titolo “L’oreficeria dai monasteri di Palermo nel XVII secolo“, proporrà un insieme selezionato di capolavori dell’oreficeria siciliana realizzati nel XVII secolo, commissionati dagli ordini monastici nel contesto di una città che, politicamente e culturalmente, svolgeva un ruolo chiave nell’intera area del Mediterraneo.

sacra-et-pretiosa-gianfranco-ravasi-1
Il Cardinale Gianfranco Ravasi durante la sua lectio magistralis

Nell’ambito dell’inaugurazione si è tenuta la lectio magistralis, su “Arte e bellezza: la via pulchritudinis” del cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura, alla presenza dell’Arcivescovo di Palermo Monsignore Corrado Lorefice, il prefetto Antonella De Miro, l’assessore regionale dei Beni culturali Sebastiano Tusa e il rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari.

padre-giuseppe-bucaroAbbiamo continuato nel progetto che era stato già deciso da parte del ministero degli Interni, del F.E.C. (Fondo edifici di Culto) e la Sovrintendenza che una parte del Monastero diventasse museo con l’esposizione dei tesori nascosti appartenuti alle suore” spiega Padre Giuseppe Bucaro, direttore beni culturali Arcidiocesi Palermo.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

“Trinakria-Angoli segreti”: padre Bucaro svela i misteri del monastero di S. Caterina a Palermo | VIDEO SERVIZIO

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.