"Sacrosanctum": si conclude la rassegna d'arte contemporanea per salvare i monumenti di Palermo CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Le sfide e i successi raggiunti

“Sacrosanctum”: si conclude la rassegna d’arte contemporanea per salvare i monumenti di Palermo CLICCA PER IL VIDEO

di
31 Dicembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“Un sacro non solamente religioso ma politico, intimo, sociale, ambientale. Un sacro che possa ridefinire una linea di valore da seguire. Un sacro dalle mille verità, raccontato da direzioni culturali diverse, da uomini normali quali sono gli artisti”.

E’ con queste parole che Adalberto Abbate, artista e curatore di “Sacrosanctum”, insieme a Maria Luisa Montaperto, descrive la rassegna nata nel 2015, sostenuta e organizzata dall’associazione Amici dei Musei Siciliani nell’oratorio di San Mercurio a Palermo.

“Sacrosanctum”

Tra una turba di puttini che si arrampicano intorno alle finestre e sopra le cornici barocche, le opere di 35 artisti internazionali si sono interfacciati in questo luogo sacro.

Adalberto Abbate

“L’idea, fin dall’inizio, è sempre stata quella di far entrare l’arte contemporanea negli spazi monumentali palermitani e, soprattutto, di creare un rapporto tra arte contemporanea e passato“, spiega il co-curatore.

Il tema della rassegna è il sacro, ma non inteso esclusivamente dal punto di vista fenomenologico religioso. Infatti gli artisti hanno presentato “un’idea personale o sociale del sacro, con il desiderio di collaborare al recupero di questi spazi monumentali, arrivati sino a noi dal passato e che spesso sono abbandonati o in pessime condizioni“, aggiunge.

Eternit

A conclusione della rassegna, anche Adalberto Abbate ha voluto condividere un suo pensiero di sacro con un’opera sul “lavoro” che rievoca valori universalmente condivisi.

“Eternit” parla delle condizioni del lavoro in Italia che, molte volte, sacrifica l’individuo e non dà certezza del futuro – spiega-. Oggi l’uomo vive una condizione quasi di schiavitù per la propria sopravvivenza e condizione di dignità della vita umana. Per tali motivi ho sentito il bisogno di collegare la figura dell’immagine di un lavoratore eternit, possibilmente non sopravvissuto alla propria condizione lavorativa, con quella del cristo che configura ad un continuo e perpetuo martirio”.

Lo scopo del progetto e l’Oratorio San Mercurio

Gioiello barocco di Palermo, l’oratorio è una delle prime opere giovanili del grande stuccatore Giacomo Serpotta, tornato alla luce e riaperto al pubblico nel 2013.

Dopo decenni di abbandono, con anche l’aiuto dei fruitori di “Sacrosanctum”, è  stato possibile mettere in opera diversi interventi di manutenzione e restauro. Lavori che hanno restituito splendore ad uno dei gioielli più preziosi di Palermo.

“Io e Luisa Montaperto abbiamo costruito il progetto con il pieno coinvolgimento di diversi artisti internazionali che hanno risposto a questa richiesta d’aiuto. Siamo riusciti, grazie a loro, con cui abbiamo lavorato con entusiasmo, e alle donazioni dei fruitori, a portare  avanti le operazioni di restauro importanti – evidenzia –. La cosa interessante è che alcuni restauratori hanno contribuito senza chiedere nulla, quindi partecipano anche loro all’operazione e all’entusiasmo di Sacrosanctum”.

La preoccupazione è che con con le problematiche post Covid e con il continuo e perenne disinteressamento delle istituzioni, questi spazi potrebbero tornare chiusi e rischiare la distruzione di preziosi tesori della nostra storia, tra saccheggiatori e abusivi“.

La decisione

Adalberto Abbate e Luisa Montaperto – Colectivo Democrazia, “Cash for souls”

Con grande amarezza Adalberto Abbate fa un annuncio. La rassegna chiude i battenti il 9 gennaio 2022.

“Io e Luisa siamo molto contenti del risultato delle due edizioni di Sacrosanctum. Adesso, alla conclusione non facile della seconda edizione, abbiamo deciso di fermarci per una pausa di riflessione e per pensare a come far evolvere la rassegna, sfiniti dalla crisi pandemica. Da questo progetto non abbiamo guadagnato niente e, ora, anche noi, dobbiamo dedicare un po’ più di forze al nostro sostentamento”.

“Purtroppo in Italia l’arte è gli artisti fanno fatica a vivere – conclude -.  Alcuni vivono una situazione economica drammatica, grazie anche alle istituzioni e ai politici bugiardi che non fanno abbastanza e che dicono che “con la cultura si mangia”.  A questi dico non abbuffatevi troppo che poi state male. Buon 2022!”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro