Sagra del mandorlo in fiore ad Agrigento, Ferrante (Pd): "Inopportuno invitare il ministro egiziano" :ilSicilia.it

"Attendiamo ancora la verità su Giulio Regeni"

Sagra del mandorlo in fiore ad Agrigento, Ferrante (Pd): “Inopportuno invitare il ministro egiziano”

18 Novembre 2019

Apprendiamo con stupore che il sindaco di Agrigento Calogero Firetto, in passato protagonista di alcune iniziative nazionali del Pd, nel corso di una visita in Egitto avrebbe invitato il ministro della Cultura egiziano in Sicilia per la Sagra del mandorlo in fiore. Ci aspettiamo una pronta smentita. In caso contrario attendo la ferma condanna da parte del partito siciliano, per rispetto nei confronti della famiglia di Giulio Regeni”, così in una nota Antonio Ferrante del Partito democratico.

Attendiamo quindi un chiarimento – continua Ferrante – da parte di Firetto e, parallelamente, da parte del governo nazionale, sull’opportunità di ospitare in Sicilia, per un evento così importante, il Ministro della Cultura egiziano, nonostante l’atteggiamento di questi anni del governo del Cairo nei confronti delle indagini sulla morte di Giulio Regeni. Qualora arrivasse una conferma, anticipiamo che, negli stessi giorni, organizzeremo iniziative di sensibilizzazione perché finalmente la verità sulla morte del ricercatore italiano venga a galla”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.