Sagra del mandorlo in fiore ad Agrigento, Ferrante (Pd): "Inopportuno invitare il ministro egiziano" :ilSicilia.it

"Attendiamo ancora la verità su Giulio Regeni"

Sagra del mandorlo in fiore ad Agrigento, Ferrante (Pd): “Inopportuno invitare il ministro egiziano”

di
18 Novembre 2019

Apprendiamo con stupore che il sindaco di Agrigento Calogero Firetto, in passato protagonista di alcune iniziative nazionali del Pd, nel corso di una visita in Egitto avrebbe invitato il ministro della Cultura egiziano in Sicilia per la Sagra del mandorlo in fiore. Ci aspettiamo una pronta smentita. In caso contrario attendo la ferma condanna da parte del partito siciliano, per rispetto nei confronti della famiglia di Giulio Regeni”, così in una nota Antonio Ferrante del Partito democratico.

Attendiamo quindi un chiarimento – continua Ferrante – da parte di Firetto e, parallelamente, da parte del governo nazionale, sull’opportunità di ospitare in Sicilia, per un evento così importante, il Ministro della Cultura egiziano, nonostante l’atteggiamento di questi anni del governo del Cairo nei confronti delle indagini sulla morte di Giulio Regeni. Qualora arrivasse una conferma, anticipiamo che, negli stessi giorni, organizzeremo iniziative di sensibilizzazione perché finalmente la verità sulla morte del ricercatore italiano venga a galla”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin