Sagra del Mandorlo in fiore, Lagalla: "Via al progetto sull'identità siciliana" :ilSicilia.it
Agrigento

Domenica 10 marzo, alle ore 15

Sagra del Mandorlo in fiore, Lagalla: “Via al progetto sull’identità siciliana”

9 Marzo 2019

Domenica 10 marzo, alle ore 15.00, l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale Roberto Lagalla sarà presente allo spettacolo finale della 74° Sagra del mandorlo in Fiore al Tempio della Concordia. In questa occasione sarà presentata la quarta edizione del progetto sull’identità siciliana, avviato nelle scuole agrigentine, promosso dal “Centro Studi per la tutela delle tradizioni popolari Val d’Akragas”, istituito nel 2016 dall’Ufficio Scolastico Regionale.

roberto lagalla“In occasione della giornata conclusiva della Sagra del Mandorlo in Fiore, oggi più che mai simbolo di integrazione e, certamente, occasione capace di restituire valore alle tradizioni dei popoli, sarò felice di testimoniare la presenza del mondo della scuola ed il suo lavoro verso la piena valorizzazione dell’identità siciliana. Quella del Centro studi è un’iniziativa importante – spiega Lagalla – giunta già alla sua quarta edizione e utile a far comprendere agli studenti il significato delle tradizioni popolari e le radici della lingua siciliana come patrimonio culturale da recuperare e tutelare”.

 

LEGGI ANCHE:

Agrigento, via al 74° Festival del Mandorlo in fiore | VIDEO

“Bar Sicilia” nella Valle dei Templi di Agrigento per il “Mandorlo in fiore” | VIDEO

Treni straordinari per il Mandorlo in Fiore di Agrigento

Ad Agrigento, l’accoglienza della cultura tra i Mandorli in Fiore [Foto e Video]

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.