Saguto shock a Le Iene: "So un sacco di cose" su Brusca, e si dice vittima di un complotto | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

IL CERCHIO MAGICO DELL'EX GIUDICE

Saguto shock a Le Iene: “So un sacco di cose” su Brusca, e si dice vittima di un complotto | VIDEO

di
23 Dicembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Nuova, ennesima, puntata de Le Iene  ieri sera – sul caso beni confiscati alla mafia. Finalmente Matteo Viviani riesce a fermare l’ex presidente della Sezione Misure di Prevenzione antimafia del tribunale di Palermo, Silvana Saguto.

Nel servizio si ricostruiscono i “tentacoli” del cosiddetto “cerchio magico” che ruotava attorno alla Saguto, radiata definitivamente dalla magistratura.

Oltre all’ex di Prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, il tenente colonnello della DIA Rosolino Nasca, si ascoltano le intercettazioni sul professor Carmelo Provenzano, uomo di fiducia della Saguto, che avrebbe aiutato il figlio a scrivere la tesi di laurea.

Ma non solo.

brusca

Nel servizio emerge una intercettazione shock sul pentito Giovanni Brusca: “Conosco tutto, tutto quello che è stato. Io lo so chi glieli intesta i beni a Brusca perché io Brusca so tutto quello che faceva”. 

Brusca nonostante sia in galera sembrerebbe avere quindi ancora un patrimonio che non gli è stato sequestrato e di cui lei saprebbe molte cose. “Quindi appena Brusca sgarra e io trovo un bene intestato a un suo parente io già so che è suo”, dice la Saguto. Queste informazioni però, sempre stando a quello che lei dice, per non rischiare se le vorrebbe tenere per sé. “Io non è che mi voglio fare sparare. Non lo posso andare a dire al sostituto procuratore ‘Brusca c’ha mezza Piana (degli Albanesi) e gli avete sequestrato una cosa sola’”.

E anche l’allora prefetto Francesca Cannizzo sembrerebbe essere d’accordo con lei: “Il prefetto mi ha detto ‘ma tu proprio per forza ti devi far sparare?’. Quindi che cosa ce ne dobbiamo fare di Brusca?”.

In un’altra telefonata, con l’avv. Cappellano Seminara: “Io per esempio so un sacco di cose che riguardano Brusca a Piana (degli Albanesi). Tu mi credi che io non gliele vado a raccontare perché questi fanno uscire che l’ho detto io, sicuramente. Sta finendo la pena, altri due giorni e questo va girando e per giunta si è tenuto il patrimonio. È sicuro che se io gli vado a dire: ‘guarda questo negozio è suo, questa cosa è sua, questa casa è sua’ quelli glielo andranno a dire. Siccome io ne ho pochi di nemici mi manca Brusca che sa che io gli vado a dire le cose e gliele vado a fare pigliare, ammesso che le piglino! Perché certo, Brusca non è uno ‘così’, è uno brutto che ce l’ha con me in maniera proprio dichiarata, peraltro. Come io ce l’ho con lui in maniera dichiarata perché non posso tollerare quello che ha fatto e com’è trattato. Io mi tengo quello che so e basta, tanto ne ha tante cose Brusca quelle altre quattro in più che c’ho io di Piana (degli Albanesi) pazienza… Mi tengo quello che mi tengo, sono stanca però”.

Silvana Saguto-Le IeneSulle queste frasi su Brusca la Saguto si difende dicendo alla Iena di aver “mandato gli atti alla Procura per queste cose. Questo era ironico”. Sarà vero? Il processo è tuttora in corso.

Il servizio si chiude con l’autodifesa dell’ex magistrato che dice: «Questo lo scrivono i finanzieri, poi vedremo se il tribunale lo riterrà vero. Sono parole mischiate. I fatti che mi vengono contestati non sono veri, sono frutto della travisazione e delle omissioni della Finanza per ottenere di far finire un’era alle Misure di prevenzione che aveva portato fino al sequestro dell’EniBrancato è stato confiscato, i Cavallotti sono stati confiscati definitivamente. Tre persone hanno levato. Se lo chiede perché non mi hanno arrestata? Perché non potevano dimostrare che fosse vero».

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Il caso Saguto a Le Iene: ecco le intercettazioni che imbarazzano il “cerchio magico” dell’Antimafia | VIDEO

“I fallimenti dell’antimafia”: a Le Iene i casi Cavallotti e Niceta | VIDEO

Saguto: “Io vittima di un errore giudiziario. Sul mio conto ho 18 euro”

“Ora parlo io”, la Saguto rompe il silenzio: “Non ci sto a pagare per tutti”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin