Saguto shock a Le Iene: "So un sacco di cose" su Brusca, e si dice vittima di un complotto | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

IL CERCHIO MAGICO DELL'EX GIUDICE

Saguto shock a Le Iene: “So un sacco di cose” su Brusca, e si dice vittima di un complotto | VIDEO

di
23 Dicembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Nuova, ennesima, puntata de Le Iene  ieri sera – sul caso beni confiscati alla mafia. Finalmente Matteo Viviani riesce a fermare l’ex presidente della Sezione Misure di Prevenzione antimafia del tribunale di Palermo, Silvana Saguto.

Nel servizio si ricostruiscono i “tentacoli” del cosiddetto “cerchio magico” che ruotava attorno alla Saguto, radiata definitivamente dalla magistratura.

Oltre all’ex di Prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, il tenente colonnello della DIA Rosolino Nasca, si ascoltano le intercettazioni sul professor Carmelo Provenzano, uomo di fiducia della Saguto, che avrebbe aiutato il figlio a scrivere la tesi di laurea.

Ma non solo.

brusca

Nel servizio emerge una intercettazione shock sul pentito Giovanni Brusca: “Conosco tutto, tutto quello che è stato. Io lo so chi glieli intesta i beni a Brusca perché io Brusca so tutto quello che faceva”. 

Brusca nonostante sia in galera sembrerebbe avere quindi ancora un patrimonio che non gli è stato sequestrato e di cui lei saprebbe molte cose. “Quindi appena Brusca sgarra e io trovo un bene intestato a un suo parente io già so che è suo”, dice la Saguto. Queste informazioni però, sempre stando a quello che lei dice, per non rischiare se le vorrebbe tenere per sé. “Io non è che mi voglio fare sparare. Non lo posso andare a dire al sostituto procuratore ‘Brusca c’ha mezza Piana (degli Albanesi) e gli avete sequestrato una cosa sola’”.

E anche l’allora prefetto Francesca Cannizzo sembrerebbe essere d’accordo con lei: “Il prefetto mi ha detto ‘ma tu proprio per forza ti devi far sparare?’. Quindi che cosa ce ne dobbiamo fare di Brusca?”.

In un’altra telefonata, con l’avv. Cappellano Seminara: “Io per esempio so un sacco di cose che riguardano Brusca a Piana (degli Albanesi). Tu mi credi che io non gliele vado a raccontare perché questi fanno uscire che l’ho detto io, sicuramente. Sta finendo la pena, altri due giorni e questo va girando e per giunta si è tenuto il patrimonio. È sicuro che se io gli vado a dire: ‘guarda questo negozio è suo, questa cosa è sua, questa casa è sua’ quelli glielo andranno a dire. Siccome io ne ho pochi di nemici mi manca Brusca che sa che io gli vado a dire le cose e gliele vado a fare pigliare, ammesso che le piglino! Perché certo, Brusca non è uno ‘così’, è uno brutto che ce l’ha con me in maniera proprio dichiarata, peraltro. Come io ce l’ho con lui in maniera dichiarata perché non posso tollerare quello che ha fatto e com’è trattato. Io mi tengo quello che so e basta, tanto ne ha tante cose Brusca quelle altre quattro in più che c’ho io di Piana (degli Albanesi) pazienza… Mi tengo quello che mi tengo, sono stanca però”.

Silvana Saguto-Le IeneSulle queste frasi su Brusca la Saguto si difende dicendo alla Iena di aver “mandato gli atti alla Procura per queste cose. Questo era ironico”. Sarà vero? Il processo è tuttora in corso.

Il servizio si chiude con l’autodifesa dell’ex magistrato che dice: «Questo lo scrivono i finanzieri, poi vedremo se il tribunale lo riterrà vero. Sono parole mischiate. I fatti che mi vengono contestati non sono veri, sono frutto della travisazione e delle omissioni della Finanza per ottenere di far finire un’era alle Misure di prevenzione che aveva portato fino al sequestro dell’EniBrancato è stato confiscato, i Cavallotti sono stati confiscati definitivamente. Tre persone hanno levato. Se lo chiede perché non mi hanno arrestata? Perché non potevano dimostrare che fosse vero».

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Il caso Saguto a Le Iene: ecco le intercettazioni che imbarazzano il “cerchio magico” dell’Antimafia | VIDEO

“I fallimenti dell’antimafia”: a Le Iene i casi Cavallotti e Niceta | VIDEO

Saguto: “Io vittima di un errore giudiziario. Sul mio conto ho 18 euro”

“Ora parlo io”, la Saguto rompe il silenzio: “Non ci sto a pagare per tutti”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.