13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 10.27
caronte manchette
caronte manchette

Le affermazioni della presidente Patrizia Di Dio

Saldi anticipati al 2 gennaio, contraria Confcommercio Palermo

6 dicembre 2018

L’associazione di esercenti commerciali Confcommercio si schiera contro l’anticipazione dei saldi al 2 gennaio in Sicilia: “La decisione dell’assessore regionale alle Attività produttive di anticipare al prossimo 2 gennaio i saldi non ci trova assolutamente d’accordo – dice Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, così come abbiamo detto e scritto in occasione di un incontro che lo stesso assessore aveva indetto“.

Di Dio afferma: “L’assessore Turano non dica che ha ‘ascoltato’ le associazioni di categoria, perché si è assunto, unilateralmente, la responsabilità di adottare un provvedimento così rilevante contro il parere di Confcommercio e Federmoda Italia. Mi chiedo cosa lo abbia spinto a prendere una decisione contraria a quello che avviene in tutta Italia, dove l’inizio dei saldi è previsto il 5 gennaio e cosa lo abbia indotto ad andare contro l’associazione più rappresentativa del commercio e del settore“.

Per Di Dio “il provvedimento appare assolutamente illogico per l’organizzazione aziendale di tutti gli operatori del commercio che il 2 mattina non potranno essere pronti con la predisposizione adeguata dei punti vendita per i saldi, ovvero con le informazioni e i cartellini informativi, così come previsto dalle norme, se non lavorando pure il primo gennaio, a Capodanno, giornata in cui immaginiamo che anche il solerte assessore Turano si goda la festività di inizio anno. Questa decisione – conclude Patrizia Di Dio – è irrispettosa nei confronti di imprenditori e lavoratori che saranno costretti a risolvere un grosso problema del quale non si sentiva francamente l’esigenza“.

LEGGI ANCHE:

Saldi, Turano replica a Confcommercio Palermo: “Convocati, non hanno partecipato alla riunione”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.