22 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.02
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Le affermazioni della presidente Patrizia Di Dio

Saldi anticipati al 2 gennaio, contraria Confcommercio Palermo

6 dicembre 2018

L’associazione di esercenti commerciali Confcommercio si schiera contro l’anticipazione dei saldi al 2 gennaio in Sicilia: “La decisione dell’assessore regionale alle Attività produttive di anticipare al prossimo 2 gennaio i saldi non ci trova assolutamente d’accordo – dice Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, così come abbiamo detto e scritto in occasione di un incontro che lo stesso assessore aveva indetto“.

Di Dio afferma: “L’assessore Turano non dica che ha ‘ascoltato’ le associazioni di categoria, perché si è assunto, unilateralmente, la responsabilità di adottare un provvedimento così rilevante contro il parere di Confcommercio e Federmoda Italia. Mi chiedo cosa lo abbia spinto a prendere una decisione contraria a quello che avviene in tutta Italia, dove l’inizio dei saldi è previsto il 5 gennaio e cosa lo abbia indotto ad andare contro l’associazione più rappresentativa del commercio e del settore“.

Per Di Dio “il provvedimento appare assolutamente illogico per l’organizzazione aziendale di tutti gli operatori del commercio che il 2 mattina non potranno essere pronti con la predisposizione adeguata dei punti vendita per i saldi, ovvero con le informazioni e i cartellini informativi, così come previsto dalle norme, se non lavorando pure il primo gennaio, a Capodanno, giornata in cui immaginiamo che anche il solerte assessore Turano si goda la festività di inizio anno. Questa decisione – conclude Patrizia Di Dio – è irrispettosa nei confronti di imprenditori e lavoratori che saranno costretti a risolvere un grosso problema del quale non si sentiva francamente l’esigenza“.

LEGGI ANCHE:

Saldi, Turano replica a Confcommercio Palermo: “Convocati, non hanno partecipato alla riunione”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.