Saldi, Confesercenti Sicilia: sondaggio ai commercianti sulle previsioni di vendita :ilSicilia.it

Ottimismo a Ragusa

Saldi, Confesercenti Sicilia: sondaggio ai commercianti sulle previsioni di vendita

di
5 Gennaio 2018

Divisi tra attesa e incertezza i commercianti siciliani alla vigilia dell’apertura dei saldi: a tastarne il polso attraverso 200 interviste realizzate per la prima volta nelle 48 ore precedenti ai saldi in tutta l’Isola per capire in tempo reale il clima che si respira nel settore, è Confesercenti Sicilia. Sotto esame le vendite natalizie, le previsioni sull’effetto dei saldi, fino al sentimento dei commercianti rispetto ad iniziative straordinarie come il Black Friday e l’effetto delle manifestazioni organizzate dai Comuni nel periodo natalizio.

“In generale, sembra che si stia recuperando lentamente un clima di fiducia – dice Vittorio Messina (in foto) presidente di Confesercenti Sicilia – Un clima motivato innanzitutto dal fatto che c’è tra gli esercenti attesa anche per l’impatto che può avere sulle vendite la presenza di tanti turisti soprattutto nelle città d’arte”.

Cinque le domande poste ai commercianti: “Come giudica l’andamento delle vendite natalizie 2017 rispetto a dicembre 2016?”; “Secondo lei il Black Friday ha drenato risorse agli acquisti nel periodo dall’8 al 25 dicembre?”; “Rispetto a gennaio 2017, come sarà l’andamento delle vendite nei saldi che partiranno il 6 gennaio?”; “Si trova d’accordo sull’avvio dei saldi in Sicilia al primo sabato dell’anno?”. E infine: “Quando incidono le manifestazioni organizzate dai comuni nel periodo natalizio, rispetto alla propensione alla spesa?”.

Il 65,10 per cento dei commercianti siciliani giudica l’andamento uguale o migliore rispetto al 2016 (per il 36,80 per cento è in linea rispetto allo scorso anno e per il 24,52 addirittura migliore), con punte più significative a Ragusa dove ad aver misurato una crescita delle vendite è addirittura il 45,45 per cento dei commercianti. Tinte più cupe invece a Caltanissetta, Messina e Palermo. Qui a registrare un andamento negativo, sono rispettivamente 60, il 50 e il 44 per cento degli intervistati. A frenare su una crescita più consistente delle vendite, secondo una parte dei commercianti, soprattutto a Palermo è stato il black Friday. “Tra gli esercenti palermitani a pensarla così è addirittura il 72,21 per cento degli intervistati“, dice Michele Sorbera, direttore di Confesercenti Sicilia. Che per la nuova stagione dei saldi, consiglia ai consumatori di “orientarsi verso i negozi di vicinato, quelli in cui il rapporto diretto, di conoscenza, è garanzia per un acquisto sicuro”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.