Sale l'apprezzamento per Musumeci dopo il coronavirus: gradimento al 53% :ilSicilia.it

Sale l’apprezzamento per Musumeci dopo il coronavirus: gradimento al 53%

di
12 Giugno 2020

Sale il gradimento per il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, la cui gestione dell’emergenza coronavirus ha avuto un riscontro positivo. Lo certifica una rilevazione Demopolis, che rileva come i residenti nella regione, nel 53% dei casi, abbiano apprezzato il comportamento e i provvedimenti del governatore.

Musumeci si piazza al sesto posto in assoluto tra i presidenti di Regione in Italia. Al primo posto troviamo Luca Zaia, il governatore della Regione Veneto, seguito da Vincenzo De Luca, le cui prese di posizione, per quanto colorite, sono risultate efficaci in termini di acquisizione del consenso, al 62%.

Dietro il governatore campano ecco Stefano Bonaccini, che in Emilia Romagna si è trovato a gestire una situazione complicata e che ha saputo fornire le risposte giuste, tanto da portare il gradimento dei residenti della propria regione al 60%. Dietro di lui, a pari merito, Fedriga (Friuli Venezia Giulia) e Rossi (Toscana) al 54%, seguito, appunto, da Musumeci al 53%. Dietro il governatore siciliano troviamo il sardo Solinas (51%).

Il governatore, come si diceva, ha gestito l’emergenza coronavirus in un modo che ha riscosso il favore dei residenti in Sicilia, tanto che l’apprezzamento nei suoi confronti è cresciuto di 14 punti percentuali da dicembre 2019, prima dell’inizio della pandemia, soltanto uno in meno rispetto a Zaia. Ben 25 i punti percentuali guadagnati da De Luca. Crollo per Attilio Fontana, Presidente della Regione Lombardia, sceso dal 54% al 38%.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin