Salina Doc Fest: in programma anteprime, recital e l'omaggio a Vittorio Taviani :ilSicilia.it
Messina

dal 13 al 15 settembre

Salina Doc Fest: in programma anteprime, recital e l’omaggio a Vittorio Taviani

di
11 Settembre 2018

Ritornare ad essere “comunità” non a parole ma con i fatti, partendo dalla settima arte: la XII edizione del “Salina Doc Fest“, il festival del documentario narrativo che si svolge sull’omonima isola, punta su questo concetto già presente alla nascita della rassegna e che oggi, perentoriamente, ritorna attuale.

Non si sottrae a questa visione, va da sé, Salina che ospiterà la manifestazione dal 13 al 15 settembre, isola circolare e senza confini, luogo aperto e comune per antonomasia, sempre in divenire.

Un’edizione ancor più ricca e particolare questa, che sfodera un programma con 14 film in totale, sei quelli in concorso, di cui 10 anteprime siciliane e una nazionale.

salina doc fest

Abbiamo puntato ancora una volta sulla qualità – ha dichiarato Giovanna Taviani, direttrice artistica della rassegna – selezionando film già usciti ma che a nostro avviso rientrano a pieno nella visione dell’edizione“.

Tra le chicche, appena aggiunto in corsa dopo la presentazione ufficiale alla Mostra del Cinema di Venezia, “A Letter to a Friend in Gaza” di Amos Gitai, una lettera-poesia di 34 minuti per la pace e l’altruismo che non fa nessuno sconto alla politica di Netanhyau.

Grazie a testi di Mahmoud Darwish, S.Yizhar, Emile Habib, Amira Hass e Albert Camus, Gitai struttura un j’accuse molto diretto alla politica del governo israeliano nei confronti dei palestinesi.

Taviani Cuccia

In concorso per il Premio Tasca D’Almerita/Premio Signum del PubblicoAmal” di Mohamed Siam, “Beautiful things” di Giorgio Ferrero e Federico Biasin, “Happy Winter” del palermitano Giovanni Totaro, “Iuventa” di Michele Cinque, “La spartenza” di Salvo Cuccia e “La strada dei Samouni” di Stefano Savona.

Fuori concorso verranno presentati i tre documentari di Marcella Pedone, proiettati per la prima volta in Sicilia a 60 anni dalla loro pubblicazione; “Timbuktu” del regista africano Abderrahmane Sissako; “Lazzaro felice” di Alice Rohrwacher.

Per la prima volta al festival il “Contro-Cunto (Di)Vino”, narrazioni itineranti tra le cantine dell’isola, con Gaspare Balsamo, Giovanni Calcagno e Mario Incudine.

Omaggio particolare, infine, a Vittorio Taviani, recentemente scomparso, e Gian Maria Volontè con la proiezione di “Un uomo da bruciare” di Paolo e Vittorio Taviani e Valentino Orsinim, e con il recital “Il sogno di mio padre” di Yousif Iaralla affiancato da Incudine, Balsamo e Calcagno. Evento speciale Irritec SiciliaDocLettera a mio padre” di e con Giuseppe Fiorello.

Il dettaglio degli appuntamenti sul sito della manifestazione.

Il Salina Doc Fest è promosso da Comune di Santa Marina, Comune di Malfa e da Salina Isola Verde – Associazione Albergatori di Salina.

Con il sostegno del MiBACT Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Cinema  – è realizzato nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei Cinema, Regione Siciliana – Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo, Sicilia Film Commission, in collaborazione con il Comune di Palermo, l’Università degli Studi di Messina, Città di Enna – Vento di Cultura, UNHCR, Cidi Palermo, Associazione Carta di Roma, 100 Autori, Doc/it, AMC, AFIC, Apollo 11, il Portale del Documentario e con una rete di partenariati e gemellaggi con alcuni tra i principali festival e realtà internazionali e nazionali dedicate al documentario.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.