Salta il servizio ai disabili nelle scuole di Palermo. "Le famiglie sono disperate" :ilSicilia.it
Palermo

Una delle coop abbandona il servizio. I tempi si allungano

Salta il servizio ai disabili nelle scuole di Palermo. “Le famiglie sono disperate”

di
27 Gennaio 2017

Contratti scaduti e niente servizi per la maggior parte dei ragazzi disabili delle scuole superiori almeno fino alla metà febbraio. Una delle coop ha abbandonato il servizio che dovrà essere assegnato ad un’altra cooperativa ma ci vorrà del tempo. “Quando il problema economico è stato superato — dicono dal Libero Consorzioabbiamo convocato tutte le cooperative per fare firmare i nuovi contratti, ma una ha deciso di non proseguire. Non ce lo aspettavamo, abbiamo dovuto rifare il bando“.

Più di 400 alunni disabili senza assistenza; molti edifici scolastici non hanno neanche ripreso gli interventi socio-sanitari dalle vacanze natalizie. “Non ci rimane che attendere — dice Antonio Costanza, referente cittadino dell’associazione Famiglie di persone con disabilità intellettiva e relazionaleE continuare ad affrontare ogni giorno mille difficoltà. Le famiglie sono disperate e i ragazzi delle scuole, dove ancora non sono ripartiti i servizi, sono destinati a stare a casa. Una vera ingiustizia. Stiamo organizzando altre iniziative di protesta”.

Avevamo già scritto della situazione difficile che sta incombendo in tutta la città di Palermo ed alcuni giorni fa gli studenti disabili con le loro famiglie si sono incatenati ai cancelli dell’Istituto Superiore Majorana. Si spera in una veloce soluzione che possa portare vantaggi ai ragazzi ed alle loro famiglie.

Servizi igienici, sociali e trasporti. Tutto in stallo. E l’assistenza è fondamentale per i ragazzi disabili. “Significa essere tagliati fuori — dice Costanza — Come essere dei soprammobili. Perché gli assi stenti alla comunicazione e all’autonomia hanno il compito di rendere accessibili le lezioni . Sono una sorta di mediatori fra i ragazzi e gli insegnanti e il gruppo classe e il resto della scuola”.

Il rischio è quello che la situazione si protragga fino alla fine del mese di febbraio ma genitori e associazioni si mobilitano. Non mancano i disagi anche per il trasporto, come testimonia Sabrina Lo Brutto, madre di Giovanni, un ragazzo down del liceo psico-pedagogico Regina Margherita, che non riesce ad accompagnare il figlio a scuola. “Se non riesco a organizzarmi con i tempi del lavoro — dice Lo Brutto — o se mio marito non può accompagnarlo, Giovanni rimane a casa. Ha già fatto tante assenze a scuola e se il servizio non riparte al più presto rischia di farne molte altre”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.