Salute: a Palermo si celebra la "Giornata Mondiale dell'Anatomia Umana" :ilSicilia.it
Palermo

PREVISTO ANCHE UN TOUR INTERATTIVO

Salute: a Palermo si celebra la “Giornata Mondiale dell’Anatomia Umana”

12 Ottobre 2019

Si celebra martedì 15 ottobre 2019 la “Giornata Mondiale dell’ anatomia Umana”, nella ricorrenza che ha avuto origine nel 1564, anno della morte di Andrea Vesalio, considerato il “padre” dell’Anatomia e della Medicina Sperimentale moderna.

L’Istituto di Anatomia dell’Università degli Studi di Palermo ha organizzato un open day dal titolo “Alla scoperta dei misteri del Corpo Umano”. Durante tutta la giornata, dalle ore 8 alle ore 20, l’Istituto – sito al Policlinico “P. Giaccone” – sarà aperto al pubblico.

I visitatori saranno guidati lungo un itinerario che ripercorre i cinque secoli di storia dell’istituzione anatomica palermitana (fondata da Giovanni Filippo Ingrassia, allievo del Vesalio) e – con l’ausilio di modelli anatomici e di software di anatomia virtuale – potranno avere spiegazioni su come è fatto il corpo umano.

Inoltre – precisa il professore ordinario di Anatomia umana Francesco Cappello –  potranno visitare i nostri laboratori e avere informazioni sulle attività di ricerca che conduciamo. La conoscenza dell’Anatomia Umana aiuta anche a fare chiarezza tra cosa è Scienza e cosa è pseudoscienza e a sbugiardare le fake news che circolano oggigiorno sui social networks“.

Presso il nostro Istituto – evidenzia l’anatomista Francesco Cappello – è attiva una delle più moderne sale fra quelle destinate alle dissezioni anatomiche, e da poco l’Università di Palermo ha attivato un programma di donazione dei corpi alla scienza. Lo scopo di questa giornata è anche quello di informare, chi fosse interessato, dell’opportunità di poter donare il proprio corpo alla ricerca scientifica“.

La giornata mondiale dell’Anatomia Umana è stata proclamata dalla IFAA, ovvero dalla federazione internazionale che riunisce tutte le associazioni scientifiche di anatomisti a livello mondiale, riunitasi a Londra lo scorso mese di agosto al fine di aumentare la consapevolezza dell’importanza della professione di anatomista, ricercatore che studia la composizione del corpo umano a livello macroscopico, microscopico, ultrastrutturale e molecolare e descrive fenomeni complessi come il differenziamento cellulare, l’omeostasi tissutale e il rimodellamento degli organi, ai fini di fornire utili elementi per la comprensione dei meccanismi che portano all’insorgenza delle malattie dell’uomo.

L’anatomista – conclude Francesco Cappello -, è anche un professionista dell’insegnamento dell’Anatomia umana che viene impartito, con modalità differenti, a studenti di numerosissimi corsi di laurea (oltre 20 a Palermo, per un totale di 1.500 studenti ogni anno): diventare Anatomista non è semplice, richiede un lungo periodo formativo e professionalizzante; ma dà alla fine la soddisfazione di poter dialogare e interagire attivamente con tutti gli specialisti delle varie branche del sapere biomedico e bioingegneristico, offrendo competenza e conoscenze sullo studio del corpo umano“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.