17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.40
Agrigento

Il convegno ad Agrigento

Salute, curarsi con la cannabis terapeutica: la terapia del dolore in Sicilia

17 Aprile 2018

AGRIGENTO – In Sicilia, per i pazienti affetti da dolore cronico (sclerosi multipla, lesioni del midollo spinale, effetti di chemio e radioterapia previsti dal DM 9/11/2015*), l’accesso alle cure a base di cannabis terapeutica – i cui benefici per queste malattie invalidanti sono riconosciuti da rigorosi studi clinici approvati dalla comunità scientifica – è ancora un lungo percorso a ostacoli: il costo è totalmente a carico del malato, la materia prima scarseggia (anche per una insufficiente programmazione da parte del Ministero) e la normativa regionale è carente.

cannabis-medica-convegno-ad-agrigentoL’argomento sarà al centro di un convegno dal titolo “Cannabis medica, esperienza terapeutica in Sicilia e Sistema Sanitario Regionale” e in programma ad Agrigento, venerdì 20 aprile (Spazio Tèmenos, ore 16) che, oltre agli interventi di esponenti del mondo scientifico – medici, studiosi e degli stessi pazienti – vedrà la partecipazione degli assessori regionali alla Sanità e al Bilancio, Ruggero Razza e Gaetano Armao.

Mentre in streaming video sono previsti i contributi di due luminari: il dott. Paolo Poli, direttore della Clinica del Dolore di Pisa, e della dottoressa Irene Ruffino responsabile del laboratorio di galenica dell’Ospedale Santa Maria Nuova di Firenze che fornisce tutti gli ammalati della Toscana.

Laboratorio galenico, torchiatura
Laboratorio galenico, torchiatura

Organizzato dal Rotary Club di Agrigento, e con il patrocinio dell’Ordine dei Medici, dei Farmacisti, di Federfarma provinciale e dell’ASP1 di Agrigento, il convegno sarà l’occasione per focalizzare l’attenzione delle istituzioni sull’attuale vuoto normativo in Sicilia. “L’obiettivo – spiega Paolo Minacori, farmacista e moderatore dell’incontro – sarà quello di stimolare gli attori istituzionali ad avviare un tavolo tecnico che, con il contributo degli addetti ai lavori (medici, ricercatori, farmacisti e la testimonianza delle associazioni dei malati), elabori il testo di una legge regionale che supporti l’accesso alle cure con cannabis terapeutica, garantendo anche a quei siciliani che soffrono di patologie degenerative o di malattie incurabili la possibilità di alleviare il dolore e di migliorare la qualità della vita propria e dei familiari”.

La giornata di studi si aprirà infatti con l’intervento di un farmacista, Valerio Cimino, che farà il punto sulla normativa nazionale e regionale. Subito dopo, i vari aspetti e criticità della terapia cannabinoide saranno illustrati dai medici che, in Sicilia e in altre regioni, sono in prima linea nell’applicarla: Geraldo Alongi (Responsabile dell’U.O. Hospice Diagnosi e Terapia del Dolore dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento), Sergio Chisari (Responsabile Terapia del Dolore del Policlinico Universitario Vittorio Emanuele di Catania), Carlo Privitera (Responsabile del progetto MediComm), Monica Sapio (Responsabile dell’U.O. di Terapia Antalgica dell’Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo), Francesco Crestani, (direttore dell’UO “Terapia antalgica e cure palliative” dell’ULSS 5 di Rovigo).

Fra le testimonianze, quelle di pazienti curati con la cannabis e di Claudia Restrivo, responsabile della sezione provinciale dell’associazione Lega Italiana contro il Dolore.

 

*DM 9/11/2015 (estratto)

«La prescrizione di cannabis ad uso medico in Italia riguarda l’impiego nel dolore cronico e di quello associato a sclerosi multipla e a lesioni del midollo spinale; nella nausea e vomito causati da chemioterapia, radioterapia, terapie per HIV; come stimolante dell’appetito nella cachessia, anoressia, perdita dell’appetito in pazienti oncologici o affetti da AIDS e nell’anoressia nervosa; l’effetto ipotensivo nel glaucoma; la riduzione dei movimenti involontari del corpo e facciali nella sindrome di Gilles de la Tourette».

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.