20 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.37

Ad annunciarlo l'assessore alla salute Razza

Salute: in Sicilia apre il primo centro nazionale di trapianto utero

13 Giugno 2018

E’ una giornata di festa per la Sicilia. Si è completato l’iter per la realizzazione dell’unico centro regionale autorizzato a livello nazionale per il trapianto dell’utero“. Ad annunciarlo l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, alla presenza, tra gli altri, del direttore del Centro nazionale trapianti, Alessandro Nanni Costa, e del coordinatore del CRT Sicilia, Bruna Piazza.

La struttura avrà sede a Catania, tra il Policlinico e l’ospedale Cannizzaro. Dopo l’estate, o comunque entro l’anno, è previsto il primo trapianto. La lista d’attesa – che a breve verrà trasmessa al Centro regionale trapianti, atto che darà il via ufficiale al programma – è composta da sei donne: una catanese, le altre provenienti dal resto d’Italia.

L’unica altra struttura analoga in Europa ha sede in Svezia, dove sono stati effettuati 12-13 trapianti con tre gravidanze a termine“, ha detto il professor Paolo Scollo, direttore dell’Unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del Cannizzaro.

Il programma riguarda donne di età compresa tra i 18 e i 40 anni affette dalla sindrome di Rokitansky o alle quali è stato asportato l’utero a causa di complicazioni post parto.

La prima autorizzazione nazionale, e una tra le prime europee, dimostra che in Sicilia c’è assoluta capacità e credibilità dei professionisti nell’Isola – ha spiegato Nanni Costa -. C’è un progetto che abbiamo definito consistente, che il Consiglio superiore della sanita’ ha approvato, e che rappresenta un passo importante non solo per la Sicilia ma per l’Italia“. I

l progetto, ha sottolineato Pierfrancesco Veroux, direttore Unità operativa complessa del Centro trapianti di Catania, “è partito circa due anni fa, un tempo assolutamente fisiologico per la sua complessità, con la stipula di una convenzione tra l’ospedale Cannizzaro e il Policlinico di Catania“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.