'Salva Sicilia', tutto pronto per il Consiglio dei Ministri. Caos in Italia Viva :ilSicilia.it

Non c'è accordo unanime tra i renziani

‘Salva Sicilia’, tutto pronto per il Consiglio dei Ministri. Caos in Italia Viva

di
23 Dicembre 2019

Il partito di Renzi, Italia Viva, tenta di mettere i bastoni tra le ruote al governo Musumeci, dichiarando apertamente il totale disaccordo per la rateizzazione da parte del Consiglio dei Ministri al debito della Regione. I renziani vogliono stoppare la norma che cerca di mettere una toppa e chiedono invece che si impongano tagli e obblighi di risanamento. Uno stop che potrebbe mettere in ginocchio la Sicilia intera e i comuni dell’Isola, molti dei quali già sono in dissesto economico.

Strategie politiche o il partito di Renzi non ha a cuore il futuro della Sicilia e i suoi problemi economici? Si vocifera che potrebbe trattarsi di una mossa per riuscire a incasellare qualche poltrona nell’Isola a favore dei Renzi boys siciliani, sebbene si tratti soltanto di voci di corridoio.

Italia Viva parla di riforme che in questi anni gli stessi renziani in Sicilia, nella stanza dei bottoni durante i precedenti governi, avrebbero potuto approvare. Da chi era nella squadra di governo di Rosario Crocetta nella scorsa legislatura a chi ha militato per anni nel partito di Raffaele Lombardo. Insomma proprio quando Renzi era a Palazzo Chigi.

E l’ipotesi di rateizzare i 2,1 miliardi di euro di disavanzo che il Governo di Musumeci ha ereditato dall’esecutivo di Rosario Crocetta e da altri Governi regionali del passato? I renziani dicono di no. Qualcuno potrebbe sottolineare il fatto che anche loro non sono esenti da colpe: nel Governo Crocetta i renziani di Faraone controllavano proprio il Bilancio regionale con l’ex assessore Alessandro Baccei. E il marasma economico dei bilanci che la Corte dei Conti ha messo nero su bianco risale alle gestioni delle scorse legislature. Nessuno vuole prendere le difese del governo Musumeci, ma il principio fondamentale a cui fa riferimento l’autonomia siciliana dovrebbe essere la responsabilità, che dovrebbe andare di pari passo con la memoria.

Ma i renziani tirano dritto e attaccano le politiche di risanamento dell’attuale amministrazione: “In Cdm è prevista l’approvazione di una norma (in attuazione dello statuto della Regione siciliana sull’armonizzazione dei sistemi contabili) che è un dito in un occhio a tutti gli amministratori pubblici che si fanno in quattro per rispettare le regole”. Lo afferma Luigi Marattin, consigliere economico di Renzi, chiedendo a nome di Italia Viva di modificare la norma che prevede che il disavanzo 2018 della Regione Siciliana possa essere spalmato in dieci anni o di ripristinare subito gli obblighi di risanamento che erano stati inseriti nel 2016 e cancellati lo scorso anno.

Nella norma che dovrebbe approdare oggi in Cdm, osserva il vice capogruppo di Iv Luigi Marattin, “si prevede infatti che il disavanzo 2018 della Regione Siciliana (pari a più di un miliardo di euro) possa eccezionalmente essere spalmato in dieci anni, rischiando così di ipotecare il futuro delle prossime amministrazioni. La classica polvere sotto il tappeto, che tanti danni ha fatto (e continua a fare) alla finanza pubblica italiana, nazionale e localeNoi siamo profondamente contrari ad ogni norma che – derogando alle regole valide per tutti – fornisca vantaggi di breve periodo senza luca-sammartinoassicurare una buona volta un risanamento strutturale”.

Ma sulla questione in Italia Viva non tutte le posizioni sono così ferme sul Salva Sicilia. Dal partito di Renzi arrivano le dichiarazioni dell’ambasciatore catanese in Sicilia, Luca Sammartino, che ha inviato un comunicato stampa alle redazioni dall’oggetto inequivocabile: “Italia Viva sosterrà il provvedimento”. Chissà cosa ne pensano i suoi colleghi di partito.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin