Salvaguardia fauna selvatica: ripartono i Centri di recupero della Sicilia :ilSicilia.it

Lo afferma l'assessore Edy Bandiera

Salvaguardia fauna selvatica: ripartono i Centri di recupero della Sicilia

di
2 Novembre 2019

Sono state sottoscritte presso l’assessorato regionale dell’Agricoltura, le convenzioni tra il Dipartimento regionale dello Sviluppo Rurale, guidato da Mario Candore, e le associazioni ambientaliste che gestiscono i tre Centri di recupero della fauna selvatica di proprietà della Regione.

Le associazioni interessate sono la LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli), che gestisce i Centri di Ficuzza ed Enna e la MAN (Mediterranean Association for Nature) responsabile del Centro di Messina. Presso i Centri di recupero si svolge l’attività di ricovero, cura e recupero degli esemplari di fauna selvatica, molti dei quali appartenenti a specie protette o in via d’estinzione, feriti da cause accidentali o da bracconaggio.

Edy Bandiera
Edy Bandiera

Attività di straordinaria importanza per la tutela della biodiversità animale, basti pensare che, nel 2018 sono stati recuperati circa 1.600 esemplari, e fino al settembre 2019, nei Centri di Ficuzza e Messina sono stati ricoverati circa 2.500 esemplari di fauna selvatica (rapaci, mammiferi, rettili etc…) di cui almeno il 40% è stato reimmesso in natura, a seguito delle cure ricevute.

“La salvaguardia della fauna selvatica, in quanto patrimonio indisponibile dello Stato, è precisa responsabilità delle istituzioni pubbliche. Attraverso la stipula delle convenzioni e il sostegno ai nostri centri, giunge a compimento il percorso avviato dal Governo Musumeci per la salvaguardia e protezione del patrimonio faunistico selvatico siciliano – afferma l’Assessore per lo Sviluppo Rurale, Edy Bandiera – con l’obiettivo di proteggere, salvaguardare e consegnare alle future generazioni un’ambiente in equilibrio ed un importante patrimonio di biodiversità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.