Salvare la tonnara di Favignana e la pesca del tonno rosso in Sicilia | VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

L'impegno degli enti locali e dell'azienda Nino Castiglione

Salvare la tonnara di Favignana e la pesca del tonno rosso in Sicilia | VIDEO SERVIZIO

di
7 Novembre 2018

 

Guarda il video servizio in alto

È passato più di un anno da quando il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali (MiPAAFT), nel 2017, ha inserito la Tonnara di Favignana nell’elenco delle 6 tonnare italiane che possono pescare il tonno rosso con il sistema della tonnara fissa.

Eppure da allora nessun tonno ancora è stato catturato a largo delle coste dell’Isola, né lavorato nello splendido stabilimento realizzato dai Florio. Perché? Perché si attende che il MiPAAFT stabilisca le quote di tonno da assegnare e il soggetto che le può pescare. Nel frattempo, il tempo passa e la Tonnara rischia di essere depennata da questo elenco. Infatti, come recita lo stesso decreto, se entro il 2019 non verranno calate le reti Favignana perderà tale diritto. Oltre il danno, quindi, anche la beffa.

filippo-amodeo-castiglione-tonnara-florio-favignana
Filippo Amodeo Castiglione

Una situazione già vissuta nel 2016, quando un raggruppamento di soggetti pubblici e privati riuscì a calare le tonnara fissa a scopo turistico, grazie soprattutto allo sforzo economico ed organizzativo fatto alla Castiglione srl, industria leader in Europa nella produzione di tonno pinne gialle in scatola, scongiurandone così la chiusura. 

“Crediamo in questa attività – spiega Filippo Amodeo, amministratore della società noi abbiamo una risorsa che è il tonno rosso del Mediterraneo, una risorsa esclusiva che è molto molto apprezzata dai giapponesi conosciamo il suo valore e chiaramente vogliamo esercitare un’attività produttiva che abbia delle ricadute su tutto il territorio e redistribuisce ricchezza allo stesso in termini di occupazione, di indotto”.

azienda-nino-castiglione-tonno-auriga-6

Oggi l’inerzia incomprensibile del Ministero, nonostante i solleciti dei soggetti interessati e l’impegno del Dipartimento Pesca Mediterranea della Regione , impedisce il recupero di questa antica tradizione, ostacolando di fatto la crescita e lo sviluppo di uno dei territori più belli e suggestivi della Sicilia. Una tradizione legata alla gloriosa storia dei Florio, la famiglia di industriali siciliani protagonista della Belle èpoque, che sempre i Castiglione hanno deciso di preservare e rilanciare.

Nel 2016, infatti, l’azienda ha deciso di rilevare il marchio per evitare che finisse nelle mani di imprenditori stranieri e per realizzare con questo una linea di prodotti di eccellenza.

Tutto, quindi, a Favignana è pronto per tornare ai fasti di un tempo, Roma permettendo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin