Salvatore Borsellino: "Agnese minacciata da uomini delle istituzioni" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

LO HA DETTO A "BAR SICILIA"

Salvatore Borsellino: “Agnese minacciata da uomini delle istituzioni” | VIDEO

di
19 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il fratello di Paolo Borsellino, Salvatore, ha raccontato ai microfoni di “Bar Sicilia” la trasmissione domenicale de ilSicilia.it, un dettaglio inedito riguardante la cognata Agnese Piraino Leto, vedova del giudice ucciso il 19 luglio 1992.

«Paolo ha detto a sua moglie Agnese che Subranni era punciuto, cioè affiliato alla mafia. Poi Subranni disse che Agnese farneticava… Purtroppo Agnese rivelò quelle cose solo negli ultimi anni della sua vita, perché prima era stata minacciata, dopo la morte di Paolo. Lei ha aspettato di dire certe cose solo alla fine della sua vita». 

E durante un incontro online promosso da Wikimafia, Salvatore Borsellino lo ha ribadito: “Mia cognata, lucidissima, ha cominciato a dire negli ultimi anni della sua vita cose che non aveva mai raccontato. Perché? Era stata minacciata come sono le minacce mafiose da persone delle istituzioni che le dicevano ‘stai attenta perché hai dei figli’. Mia cognata ha aspettato che i suoi figli fossero grandi per dire delle cose che ha dovuto tenersi dentro fino alla fine della sua vita. Perché quando pensi che nello Stato ci siano pezzi della mafia, i pezzi deviati dello Stato sono molto peggio della mafia. I pentiti di mafia hanno più paura della vendetta dei servizi deviati di quanto possono averla di altri mafiosi”.

 

 

LEGGI ANCHE:

A ‘Bar Sicilia’ Salvatore Borsellino: “Nell’agenda rossa i colloqui di Paolo coi pentiti” | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.