Salvatore Gambino, chi è il giovane sindaco di Torretta arrestato perchè "vicino ai clan" :ilSicilia.it

accusato di concorso esterno per mafia

Salvatore Gambino, chi è il giovane sindaco di Torretta arrestato perchè “vicino ai clan”

di
17 Luglio 2019

Salvatore Gambino, giovane sindaco di Torretta, un insospettabile, ritenuto dagli inquirenti a disposizione del clan Inzerillo-Gambino. Un ritorno al passato per la cosca mafiosa di Passo di Rigano, in cui l’asse Stati Uniti-Torretta ne è la linfa vitale.

Il sindaco di Torretta – con una laurea in giornalismo e diverse passate collaborazioni con varie testate – finito agli arresti è indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Nel 2013, allora ventinovenne, il giovane tenta l’ascesa alla poltrona più ambita di palazzo di Città con una lista civica “Torretta Cambia” formata da persone sotto i 40 anni. E ci riesce. Diventa il primo cittadino della sua città. Ci riprova nell’estate del 2018 appoggiato dalla lista civica: “Avanti insieme – Identità e futuro”.Vince nuovamente.

Ma già nel lontano 2007, Salvo Gambino provava a fare il politico, tentando di ottenere un posto al consiglio comunale di Palermo. Ma con circa 770 voti non riuscì ad aggiudicarsi la poltrona di Palazzo delle Aquile.

E’ stato nel direttivo nazionale dei giovani dell’Udc e ad oggi fa parte del Pdr. Partito dei riformisti; il partito dell’ ex ministro Totò Cardinale ad oggi presente a palazzo dei Normanni con due deputati regionali: Nicola D’Agostino ed Edi Tamajo.

Nel 2014, la Prefettura di Palermo avrebbe richiesto un accesso ispettivo al comune di Torretta per sospette infiltrazioni mafiose, ma l’allora Minsitro degli interni, Angelino Alfano aveva dato esito negativo per lo scioglimento del comune di Torretta in quanto “non c’erano i presupposti per far decadere le cariche elettive”. Il provvedimento ha fatto seguito al decreto del Prefetto di Palermo che in data 17 febbraio 2014, su delega del Ministro degli Interni, aveva istituto una commissione d’indagine incaricata di svolgere accertamenti.

“Abbiamo accettato con serenità l’insediamento della Commissione – aveva dichiarato in quell’occasione il Sindaco Salvatore Gambino – nella piena consapevolezza che in un territorio difficile come il nostro, sia pienamente legittimo che venga messa al vaglio l’attività amministrativa dell’ente per scongiurare possibili pericoli di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata. Con questa consapevolezza, abbiamo continuato a lavorare, tranquillamente, nella convinzione che gli accertamenti avrebbero dimostrato l’inesistenza di qualsiasi presupposto per lo scioglimento. Nell’ottica del risanamento dei conti abbiamo dimostrato grande senso di responsabilità adottando misure spesso impopolari ma necessari per salvare il Comune da un inevitabile dissesto. Il tutto non perdendo mai di vista l’obiettivo prioritario dell’Amministrazione: ovvero il rispetto dei principi di trasparenza e di legalità”.

Intanto, il prefetto di Palermo ha sospeso Salvatore Gambino dalla carica di sindaco del Comune di Torretta. Il provvedimento – dice la prefettura – è stato disposto a seguito dell’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere disposta dal Gip del Tribunale di Palermo nei confronti del medesimo, sottoposto ad indagini per concorso esterno in associazione mafiosa. Gambino è stato arrestato nel quadro dell’ operazione effettuata dalla Polizia di Stato e dall’FBI sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia, che ha colpito il mandamento mafioso di Passo di Rigano.

LEGGI ANCHE:

Mafia, le intercettazioni che incastrano il sindaco di Torretta: “Se perde lui, perdiamo tutti”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin