15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Palermo

Da poco nominato direttore

Salvatore Percacciolo a ilSicilia.it: “L’Orchestra Giovanile ha un’anima pura” | Video intervista

21 Dicembre 2018

Guarda la video intervista in alto 

Il Maestro Salvatore Percacciolo, da qualche mese, è il direttore dell’Orchestra Giovanile Siciliana.

La sezione “giovanile“, nata nel dicembre del 2016, è un progetto ambizioso che scaturisce dalla missione della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana di realizzare progetti artistici ed educativi con particolare attenzione alle generazioni più giovani, in sinergia con le istituzioni formative della Sicilia.

Salvatore Percacciolo

Come ci dice nella video intervista il Maestro Percacciolol’Orchestra Giovanile opera creando una rete diffusa attraverso il coinvolgimento dei Conservatori e dei Licei Musicali dell’Isola“.

Composta da oltre cento giovani musicisti, tra i 15 e i 23 anni, provenienti da tutta la Sicilia, dopo il debutto ufficiale, ha eseguito, nella formazione di un quartetto composto dai suoi migliori componenti, diversi concerti tra cui “Le magie della realtà” di Eliodoro Sollima, “La Maschera” di Virginio Zoccatelli, “La Dirindina” di Alessandro Scarlatti, “Il Maestro di scuola” di Georg Philip Telemann nonché “Scene da Pollicino” di Hans WernerHenze e la novità assoluta “In the wood” di Riccardo Scilipoti.

Commovente e impressa nella memoria di tutti l’esecuzione del 23 maggio 2017, in diretta su Rai 1, de “La vita è bella” di Nicola Piovani, con la direzione dello stesso Piovani, in occasione del 25° anniversario della strage di Capaci.

Il Maestro Percacciolo, di origini siciliane ma impegnato in concerti e appuntamenti internazionali, ha tra le sue caratteristiche principali la versatilità, che lo porta a vivere l’espressione musicale da diverse prospettive quale direttore d’opera e sinfonico ma anche come pianista, membro di diversi gruppi da camera.

Tra le altre esecuzioni ha diretto “L’Heure Espagnole” di Ravel e la prima mondiale dell’opera Scalia/Ginsburg di Derrick Wang al Festival di Castleton in Virginia (USA), invitato dal Maestro Lorin Maazel come “Conductor Fellow”.

Diplomato in pianoforte con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Musica “A. Corelli” di Messina, ha studiato composizione presso il Conservatorio di Musica “A. Scarlatti” di Palermo e direzione d’orchestra a Firenze sotto la guida del Maestro Piero Bellugi.

Salvatore Percacciolo ha diretto, inoltre, un vasto repertorio sinfonico spaziando dal barocco alla musica contemporanea con orchestre quali I Pomeriggi Musicali di Milano, la Preussischen Kammerorchester di Berlino, l’Orchestra del Festival di Castleton, la Zagreb Philharmonic Orchestra, l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, del Lirico di Cagliari e del Bellini di Catania, collaborando con solisti di fama internazionale quali Alberto Bocini, Regina Chernychko, Luiz Filipe Coelho, Roberto Cominati, Francesco D’Orazio, James Galway, Calogero Palermo, Giovanni Sollima, Uto Ughi.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.