Salvini a Catania: "Ecco l'inciucio fra Renzi e i 5 Stelle: vogliono il Patto della poltrona" :ilSicilia.it
Catania

LE DICHIARAZIONI DEL VICEPREMIER

Salvini a Catania: “Ecco l’inciucio fra Renzi e i 5 Stelle: vogliono il Patto della poltrona”

di
11 Agosto 2019

Stanno cercando di siglare il Patto della poltrona. E’ uno squallore l’appello di Renzi ai cinque stelle“.

Così ha dichiarato il leader della Lega, Matteo Salvini, durante il suo intervento nel corso della conferenza stampa, svoltasi all’interno dei locali del Comune di Catania, relativamente agli ultimi sviluppi della crisi di Governo.

Salvini, in particolare, fa riferimento al patto più o meno segreto che è in atto in queste ore tra il Movimento 5 stelle, la componente del PD che fa capo a Matteo Renzi con la benedizione di settori di Forza Italia, contrari alle elezioni anticipate e favorevoli a un governo Conte bis, che possa garantire la prosecuzione della legislatura.

In queste ore – continua il ministro – c’e’ la certezza che qualcuno sta a lavorando a Roma per un’ammucchiata. Io dico no agli inciuci, la via maestra sono le elezioni“.

Il vice premier auspica elezioni e non nuovi governi tecnici: “Anche gli investitori me lo hanno detto: se si fa velocemente un governo che dia una prospettiva di governo per i prossimi 5 anni lo spread lo dimezzi. Quindi no ai governi tecnici che durano tre mesi“.

Ho chiesto un governo che abbia pieni poteri – continua  Salvini – ma molti si sono scandalizzati, io chiedo pieni poteri nei limiti della Costituzione. Ma chi e’ piu’ antidemocratico, uno che non vuole elezioni o uno che vuole elezioni? Il Paese Italia non puo’ perdere tempo, bisogna decidere subito“.

Il vice premier si sofferma sui mercati: “Anche gli investitori me lo hanno detto: se si fa velocemente un governo che dia una prospettiva di governo per i prossimi 5 anni lo spread lo dimezzi. Quindi no ai governi tecnici che durano tre mesi“.

Salvini ha poi chiosato sulle future alleanze politiche: “Vedrò sicuramente gli alleati del centrodestra a livello locale, visto che presto ci saranno alcune elezioni regionali, come in Umbria, Emilia Romagna o Calabria. In tutte le ultime elezioni regionali ha vinto un’idea di Italia che è quella…Io dico che se lanciamo dieci punti del programma per un governo che dura cinque anni dell’Italia del si, sulle tasse, sul lavoro, sulla giustizia, sull’autonomia, sulle grandi opere, sullo sviluppo, ovviamente lo apriamo a tutti. Non al Pd o Rifondazione comunista, ovviamente. Parleremo con coloro con cui già governiamo i Comuni e le Regioni da venticinque anni“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.