Salvini-De Luca: pace fatta per mettere fine alla vergogna delle baracche di Messina :ilSicilia.it
Messina

Lo sgombero entro il 31 ottobre

Salvini-De Luca: pace fatta per mettere fine alla vergogna delle baracche di Messina

di
16 Agosto 2018

Sembrano già lontani anni luce i tempi degli insulti e della reciproca insofferenza tra Matteo Salvini e Cateno De Luca. Nel novembre dello scorso anno De Luca definiva “imbroglione patentato” Salvini, che a sua volta aveva tacciato l’attuale primo cittadino di Messina di far parte dei cosiddetti “impresentabili”. Un botta e risposta senza esclusione di colpi che va in archivio e lascia spazio alla cordialità istituzionale di una ritrovata pax politica.

Così il sindaco di Messina ha accolto infatti nelle scorse ore in città il Ministro degli Interni, nella breve tappa siciliana del leader leghista, e il disgelo tra i due è stato sancito su un argomento che, d’altronde, non può dividere la politica: l’atavico problema delle baracche di Messina.

Ho avuto un colloquio con il Ministro degli interni Matteo Salvini – spiega De Luca – in merito alla mia ordinanza di sgombero delle 2000 famiglie che ancora vivono nelle baracche. Il ministro ha condiviso il nostro deciso approccio e ci ha promesso che sosterrà la nostra richiesta della dichiarazione di stato di emergenza che abbiamo inoltrato qualche giorno fa. Il ministro ha dichiarato che ritornerà a Messina per la questione baracche. Noi nel frattempo andremo avanti senza se e senza ma“.

“Ci sono stato in passato e ci tornerò presto alle baracche – ha detto Salvini -. Vivere in quelle condizioni non è da paese civile. De Luca avrà nel Ministero dell’Interno certamente un alleato per porre in atto le necessarie attività di sgombero e di sistemazione delle persone. E’ una questione di vivere civile, ma soprattutto di dignità. Vivere ancora in quelle condizioni tra la sporcizia e i topi non è possibile, è una vergogna che deve terminare quanto prima” – ha aggiunto Salvini.

De Luca, con apposita ordinanza ha disposto nei giorni scorsi lo sgombero entro il 31 ottobre prossimo di tutte le persone e cose da tutte le strutture abitative che insistono nei 7 Ambiti di risanamento, la contestuale recinzione e messa in sicurezza e vigilanza dei siti; nonché la demolizione, entro il 31 dicembre prossimo, di tutte le strutture abitative e, comunque, qualsivoglia manufatto che insiste nei suddetti Ambiti.

I sette insediamenti abitativi riguardano l’ambito “A” Annunziata; “B” Giostra, Ritiro e Tremonti; “C” Camaro e Bisconte; “D” Fondo Saccà; “E” Gazzi Fucile e via Taormina; “F” Santa Lucia e San Filippo; “G” Bordonaro e San Filippo Alto.

Il provvedimento si è reso necessario al fine di affrontare l’annoso problema del risanamento e sbaraccamento delle suddette aree degradate che persiste dal terremoto del 1908 e che ancora oggi rappresenta un’oggettiva emergenza derivante dal disagio abitativo, con gravi conseguenze sul piano igienico-sanitario.

Il sindaco ha incaricato il segretario generale e i dirigenti di tutti i Dipartimenti comunali interessati a dare piena ed efficacia attuazione a quanto disposto. De Luca ha comunicato l’ok dall’agenzia comunale con circa 100 milioni di euro di dotazione per realizzare o acquistare oltre 1000 alloggi. “L’assessore Marco Falcone – evidenzia il sindaco – nel condividere la forte iniziativa rappresentata dalla mia ordinanza sindacale di sgombero e demolizione delle baracche, si farà portavoce nei confronti del Presidente Musumeci per la dichiarazione dell’ emergenza abitativa. Entro fine agosto – ha aggiunto il sindaco – se il Consiglio comunale di Messina approverà lo statuto dell’agenzia di risanamento, saranno trasferiti circa 100 milioni di euro per realizzare o acquistare oltre 1000 alloggi”.

Il ritrovato feeling tra De Luca e Salvini potrebbe favorire l’accelerazione decisiva per la svolta e per porre fine alla interminabile vergogna delle baracche di Messina.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin